giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

Continuano gli sbarchi. Migranti senza mascherine, altri se ne vanno dalla quarantena

HomeEmergenzaContinuano gli sbarchi. Migranti senza mascherine, altri se ne vanno dalla quarantena

Boom di sbarchi, è far west: centinaia di arrivi, migranti in fuga, arriva l'esercito

Lampedusa vive ancora una difficile situazione con altri sbarchi, mentre disordini vengono registrati in ordine sparso nei centri di accoglienza dove molti migranti si danno alla fuga da varie strutture.

Nuovi arrivi di profughi a bordo di barche direttamente nel porto e sulla costa si sono perfezionati e altri sono in corso. Sull’isola prosegue così incessante il transito di migranti nonostante l’allarme lanciato nelle ultime ore dal sindaco, il quale aveva paventato la chiusura del Centro che ospita gli immigrati, a rischio collasso dopo aver raggiunto quasi la soglia di mille presenze.

Anche domenica, dopo gli ultimi sbarchi, sono giunti sul posto gli operatori per eseguire i tamponi, ma all’interno si creano inevitabilmente assembramenti e la maggior parte degli ospiti, è stato constatato, non indossa le mascherine che pure sono state loro fornite.
Proprio per far fronte a una situazione che appare sempre più complicata, nelle prossime ore è atteso, davanti a Lampedusa, l’ancoraggio della nave con mille posti per alleggerire la struttura sull’isola e quella di Porto Empedocle.

Intanto l’emergenza in mare prosegue: in acque maltesi, 72 persone su un gommone e altre 22 su un secondo barcone ormai senza carburante restano in attesa dei soccorsi, secondo quanto segnala Alarm Phone.
E le difficoltà non riguardano solo le coste del Mediterraneo. Esplodono infatti di nuovo le tensioni nel ghetto alle porte di Foggia dove una rissa tra migranti è sfociata nell’incendio di una decina di baracche, in cui sono rimaste ferite tre persone.

A Latina, invece, in 18 si sono allontanati da un Centro di accoglienza dove stavano proseguendo il periodo di sorveglianza fiduciaria. Di questi, cinque stranieri sono tuttora ricercati.
Episodio analogo a Ragusa, dove 28 migranti hanno lasciato un Centro di accoglienza: nel tentativo di impedire la fuga, un carabiniere è rimasto ferito.
Anche a Terni si segnala l’abbandono di una struttura da parte di 19 dei 20 ospiti, che però – in questo caso – non avevano l’obbligo di permanenza.

Sul fronte politico prosegue l’attenzione verso gli sbarchi dalla Tunisia del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il quale nei giorni scorsi aveva annunciato la sospensione dei fondi per la cooperazione.
Una “attenzione” verso gli sbarchi dalla Tunisia sulla quale, ha precisato oggi lo staff del ministro, “non c’è alcuna contrapposizione con il presidente del Consiglio.
Il ministro Di Maio, in qualità di titolare della Farnesina, sta infatti semplicemente svolgendo il suo lavoro supportando quotidianamente l’azione di governo ed è in continuo contatto, oltre che con il premier Giuseppe Conte, anche con i ministri Lamorgese e Guerini”.

E Berlino fa da sponda: “”Non lasciamo l’Italia da sola, non ripetiamo errori del passato”, dice il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas sottolineando che “l’Italia è stata colpita di sorpresa da una forte ondata di migranti dalla Tunisia nelle scorse settimane”. “Grazie all’amico e collega Maas”, ha risposto Di Maio. “Abbiamo sempre detto che il tema migranti non può essere affrontato solamente dal nostro Paese. Adesso serve una risposta di tutta l’Europa”.

Il leader del Carroccio Salvini continua intanto ad andare all’attacco, pungolando tra l’altro il ministro della Difesa che sarebbe restio a mettere a disposizione i militari per fronteggiare l’emergenza, specie nei centri. “Salvini dovrebbe sapere che non è nel potere del ministro della Difesa, giustamente e secondo il nostro ordinamento, disporre di unità militari ai fini del mantenimento dell’ordine pubblico”, la replica di Guerini. “Secondo questi principi, quindi, è stato disposto il rafforzamento della sorveglianza intorno ad alcuni centri di accoglienza, anche utilizzando militari di Strade Sicure”.

Nonostante tutto gli sbarchi a Lampedusa continuano. Nelle ultime ore si registrano una trentina di nuovi arrivi di migranti con due approdi direttamente sulla terraferma e uno al porto dell’isola: sono stati tutti trasferiti nell’hotspot, dove – dopo alcuni trasferimenti verso Porto Empedocle per alleggerire la struttura – resteranno 712 persone.

Anche le tensioni sono ormai all’ordine del giorno. Dopo quelle in un Centro a Torino, dove un carabiniere è rimasto ferito, nuovi gravi episodi si sono verificati come detto nel ghetto foggiano di Borgo Mezzanone durante la rissa che ha coinvolto diversi migranti, poi sfociata nell’incendio delle baracche. Nell’insediamento abusivo a pochi chilometri da Foggia sono rimasti feriti due gambiani e – gravemente – un senegalese.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Infarto durante corsa: tragedia a Treviso. Ha 12 anni

Momenti grande paura oggi per un ragazzo di 12 anni colpito da un arresto cardiaco mentre stava correndo una marcia campestre a Vittorio Veneto, nel trevigiano. Il giovane atleta, iscritto alle Fiamme Oro di Padova, è stato visto barcollare e poi...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...