Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeMestre e terrafermaComunità bengalese di Mestre: "Ci rivolgeremo al Papa per la moschea"

Comunità bengalese di Mestre: “Ci rivolgeremo al Papa per la moschea”

Jesolo e il diritto a pregare degli islamici
In fondo vogliono solo pregare gli aderenti alla comunità bengalese di Mestre. E il Sindaco Luigi Brugnaro si è impegnato a trovare una soluzione al più presto, alternativa alla sede di via Fogazzaro (senza concedere spazi pubblici), ormai preclusa dagli esposti dei comitati cittadini che si sono attivati affinché i bengalesi andassero a pregare altrove.

In quel luogo di preghiera, a porte chiuse da lunedì, i rappresentanti il comitato hanno individuato attività e degrado di cui i bengalesi non si sentono appartenenti né responsabili. Lo dichiara con dispiacere il referente Mohammed Alì a nome dei bengalesi che frequentavano la moschea, che si sono sentiti colpiti da una punizione ingiusta, e che sono disposti a scrivere al Papa per ottenere ascolto e condivisione.

Un gesto di solidarietà e partecipazione è arrivato dal Partito comunista italiano, che ha offerto alla comunità l’uso della sua sede in Via Canova, nei pressi di Viale San Marco. Per quei cittadini “attivi” di cui fa parte Luigi Corò, che con le loro proteste hanno ottenuto la chiusura della moschea, ce ne sono altri che non hanno condiviso la durezza della decisione, ritenendo che la preghiera di per sé non offende e mettono l’accento sui tanti lavoratori del Bangladesh che lavorano nel territorio, nel commercio, nel turismo e nelle nostre abitazioni.

Confonderli con gli sbandati, gli spacciatori, o addirittura con i terroristi, lo ritengono sbagliato e fuorviante, come colpire alla cieca un gruppo di persone che non fanno male a nessuno. Mohammed Alì a questo punto sarebbe contento di poter ottenere dal Comune uno spazio di via Torino, uno edificio lontano dalle abitazioni, per non disturbare i vicini e precisa, che qualora all’interno del gruppo di preghiera si fosse immischiato qualcuno di indesiderabile, sarebbe stata la comunità bengalese stessa a non riceverlo, a non permettere di inserirsi tra loro.

La preghiera del venerdì è l’unico obiettivo della comunità bengalese che si sente vittima sacrificale di un clima di “giustificata” paura, dati i tempi, ma che ribadisce la sua estraneità ad ogni forma di violenza e adesione alla malavita, invitando Luigi Corò e gli altri, a cercare altrove i loro nemici.

► La Prefettura ha deciso: chiude la moschea di Mestre

Andreina Corso

(foto di repertorio)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.