Orrore a Chioggia: danno fuoco a clochard e si fanno il video

1616

chioggia con accendino danno fuoco capelli clochard

Orrore a Chioggia. Un gruppo di ragazzini – ma sarebbe meglio chiamarli teppisti o delinquenti – con l’accendino provano ripetutamente ad incendiare i capelli ad un uomo senza fissa dimora.

Prima uno, poi l’altro. Poi tutti e due contemporaneamente con due accendini. Il pover’uomo sta fermo, sembra quasi rassegnato al suo destino. Forse memore di altre occasioni in cui ha tentato una reazione ed è finita ancora peggio.

Il video, naturalmente. La “bravata” – ma sarebbe meglio chiamarla vigliaccata – è stata inscenata in favore di obiettivo, come si usa in questi tempi degeneri. Il filmato è stato messo in rete come un trofeo di cui vantarsi, tanto che è stato scoperto e diffuso dal blog ‘Chioggia azzurra’.

A Chioggia il video era diventato a conoscenza di quasi tutti, finché è finito nelle attenzioni dei Carabinieri, che hanno subito individuato i presunti responsabili. Sono due minorenni e un maggiorenne. E’ incredibile come sistematicamente venga alla mente di certi giovani dare fuoco a qualcuno come forma di divertimento.

Nei loro confronti non ci sono ancora provvedimenti: in astratto – se i fatti saranno accertati – si potrebbe procedere d’ufficio per violenza privata, mentre un’ipotesi diversa, come le lesioni, sarebbe perseguibile a querela. Bisognerà attendere il rapporto alla magistratura.

Il senzatetto preso di mira è un 45enne, che vive una situazione di disagio, molto conosciuto in città.

L’uomo è noto per dormire a bordo di un peschereccio in stato di abbandono.

Nel video l’uomo è di spalle, indossa una giacca pesante, e sembra rassegnato passivamente alle angherie.

I suoi aggressori tentano ripetutamente di fargli prendere fuoco i capelli. Cosa che per fortuna non avviene.

La vecchia barca dove l’uomo si ripara per dormire aveva preso fuoco all’inizio di ottobre. Il 45enne, all’epoca, non aveva accusato nessuno, ma l’episodio appena avvenuto potrebbe lanciare una luce diversa su quel fatto.

Il video è sconvolgente nella crudeltà con cui descrive i nostri tempi di barbarie e documenta la vigliaccheria con cui facilmente la violenza si rivolge contro i soggetti deboli.

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

  1. Io sono vecchio e quindi non ho nulla da perdere e se anche fosse lo farei egualmente, dameti il nome di questi bambini delinquenti che poi sicuramente, loro e anche i genitori non si lasceranno andare a simili atti di delinquenza, mia mamma e mio padre mi stangavano e non ditemi che non serve, dovrebbero provare il dolore fisico di quello che provocano e sicuramente si asterrebero da simili atti di delinquenza.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here