9.1 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Chiamata in codice rosso dal centro migranti di Cona: meningite

HomeMeningiteChiamata in codice rosso dal centro migranti di Cona: meningite
la notizia dopo la pubblicità

Il caso riguardava un diciannovenne proveniente dal Bangladesh. Paura per una possibile epidemia. E subito è tornato alla mente il recente decesso della giovane 25enne ivoriana. Fortunatamente, dopo qualche ora, gli accertamenti escludevano il tipo di meningite più pericoloso

Freddo e gelo: anziana confusa esce di casa di notte e muore assiderata
Un caso di meningite al centro di accoglienza di Conetta (Cona). Un caso che a molti fa ritornare alla mente il recente decesso della giovane 25enne ivoriana e tutti i problemi di promiscuità che gli oltre 1000 migranti ospitati si portano dietro.

Il caso di meningite di Cona riguarda un diciannovenne proveniente dal Bangladesh che ora si trova ricoverato nel reparto di malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Il giovane è stato ricoverato la notte scorsa con diagnosi di sospetto meningo-encefalite.

Tutte le procedure sanitarie sono state attivate, è però esclusa dagli accertamenti una meningite di tipo batterica invasiva, quindi l’azione di profilassi, già predisposta, non è stata attivata, mentre sono in corso da parte dell’autorità sanitaria, in collaborazione con le autorità competenti, tutte le necessarie azioni di monitoraggio e controllo.

Sono state ore di apprensione sabato notte al centro di accoglienza di Conetta, il giovane del Bangladesh, ha accusato un malore che si è rivelato essere verosimilmente meningo-encefalite. Un ceppo non contagioso del batterio, ma solo nelle ore successive sono arrivate le risposte delle analisi, quindi l’allarme epidemia è rientrato dopo molte ore di paura.

L’Usl 3 Serenissima ha escluso la meningite di tipo batterica invasiva. Al punto che non è nemmeno stata predisposta la profilassi antibiotica per gli operatori venuti a contatto con il diciannovenne che ora è ricoverato nel reparto Malattie Infettive dell’Azienda ospedaliera di Padova.

All’arrivo dei sanitari, il giovane era in stato febbrile, agitato. Ad assisterlo il personale della Cooperativa che opera nel centro di Cona. Ai sanitari del Suem che sono subito intervenuti con una chiamata in ‘codice rosso’ è subito tornato alla mente il caso di 15 giorni prima, quando avevano trovato su quello stesso letto del ‘pronto soccorso’ del centro il corpo privo di vita della giovane ivoriana Sandrine Bakayoko, stroncata da una tromboembolia polmonare.

Ansia e preoccupazione per il personale intervenuto e per gli operatori della cooperativa Edeco hanno cominciato a salire sempre di più mentre veniva a concretizzarsi un quadro di sospetto di meningo-encefalite, tanto che il paziente, in un primo momento trasportato al pronto soccorso di Piove di Sacco, è stato immediatamente trasferito nel reparto Infettivi dell’Azienda ospedaliera di Padova, dove è arrivato alle 22.18.

L’Ulss veneziana ha fatto immediatamente partire il piano per l’eventuale intervento farmacologico di profilassi, attivando le Farmacie ospedaliere di Chioggia e Mestre. Ma poco prima che fosse pronto per far fronte al pericolo di una epidemia è arrivata la notizia che ha scongiurato il peggio, ovvero che il ceppo di meningite che ha colpito il diciannovenne bengalese non è di tipo invasivo e contagioso.

Pur non ravvisando, dunque, la necessità di interventi di profilassi, l’Azienda sanitaria continua a monitorare la situazione igienico-sanitaria presso il Centro di assistenza di Cona, in collaborazione con Prefettura, Questura e Amministrazione Comunale.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...