18.9 C
Venezia
lunedì 27 Settembre 2021

Cgil: “Zaia ritiri la denuncia al prof. Crisanti”. Lettere

HomeLa denunciaCgil: "Zaia ritiri la denuncia al prof. Crisanti". Lettere

Concetti che vanno oltre il "caso Crisanti": "La libertà di pensiero e di critica deve essere sempre difesa, non può esserci in alcun modo la minaccia di ritorsioni nei confronti di chi, soprattutto se forte della sua straordinaria esperienza e capacità scientifica, può porre dubbi o critiche sulla gestione di questa difficilissima emergenza sanitaria".

Come Segreteria della Cgil di Venezia esprimiamo tutta la nostra solidarietà al Prof. Crisanti per quello che sta avvenendo in queste ore.
Non è pensabile che chi si è speso con tutte le proprie energie per salvaguardare la salute dei veneti, venga oggi denunciato per le considerazioni fatte in merito all’attendibilità dei test rapidi.
La libertà di pensiero e di critica deve essere sempre difesa, non può esserci in alcun modo la minaccia di ritorsioni nei confronti di chi, soprattutto se forte della sua straordinaria esperienza e capacità scientifica, può porre dubbi o critiche sulla gestione di questa difficilissima emergenza sanitaria.

Sono decine i casi di falsi negativi poi scoperti come positivi con i tamponi molecolari, questo è avvenuto sia nelle Residenze per Anziani che nelle Ulss.
È del tutto evidente che l’utilizzo di queste procedura sia stata disposta e avallata dal Ministero dalla Salute e che il Veneto abbia applicato le indicazioni nazionali, ma è allo stesso modo vero che si è fatto del test rapido una campagna quasi politica per ergersi a modello su base nazionale.
aia
Come Cgil invitiamo il Presidente della Regione Veneto a disporre l’immediato ritiro della denuncia e a rimettere al centro la tutela della salute dei cittadini e dei lavoratori.

Cgil Venezia

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor