Giochi: Carcassonne Winter edition, come agire sotto gelo e neve? Di Massimo Tonizzo

ultimo aggiornamento: 01/03/2015 ore 10:55

113

Quando un gioco è un classico, sono due le opzioni che autore e casa editrice possono decidere per continuare nel filone delle vendite. In alcuni casi, bastano poche varianti da apporre perché il prodotto negli anni contini ad essere apprezzato: pedine diverse, nuovo tabellone, scatola rinnovata nella grafica e nel formato. Ed è il caso di Risiko, Monopoly, Triviall Pursuit.

In altri, l’autore (o anche nuovi se la casa editrice possiede i diritti) inserisce varianti, nuove ambientazioni, a volte perfino un vero e proprio nuovo gioco che mantenga qualcosa del prodotto originario e che sia perfettamente compatibile con il modello base (e questa di solito si chiama espansione). Questo è il caso di Coloni di Catan, Munchkin, Bang.

Poi, c’è Carcassonne. Che di anno in anno, di espansione in espansione, di prodotto in prodotto ha unito le due varianti, presentando sia giochi originali sia rifacimenti con alcune migliorie. E, in entrambi in caso, con grande successo.


Per spiegare cosa rappresenta il fenomeno Carcassonne per il mondo dei giochi di società bastano quelle poche righe e quei pochi minuti che sono sufficienti anche per impararne il semplice e veloce regolamento. Partendo da un tabellone con la presenza di una sola tessera, che ha di base i disegni di una strada e della campagna intorno, alla quale si possono aggiungere pezzi di città e conventi, ogni giocatore a turno gioca una seconda tessera, collegata ad almeno una di quelle in gioco da l proseguimento di strade, città o campagne, e può schierare sulla stessa una propria pedina, nel ruolo di viandante (in strada), cittadino (in città) e contadino (sulla campagna) che determineranno i punti per il giocatore una volta completata l’area di riferimento. Tutto qui. Nessun bonus, niente sorprese in corso di partita a variare troppo l’andamento ma un prodotto contemporaneamente semplice ed efficace, che varia ogni volta con il variare delle tessere stesse.

Negli ultimi mesi, sono due i prodotti usciti del brand, con le due caratteristiche diverse. Carcassone new edition è il classico rilancio per avvicinare nuovi appassionati: grafica rinnovata, colori più sgargianti, regolamento snellito (come se fosse possibile snellire qualcosa…), pedine più belle. Come novità (perché magari interessa anche ai cosiddetti !completisti”) all’interno della scatola sono presenti le tessere di due piccole espansioni già conosciute ed uscite negli anni passati come allegati a riviste o edizioni speciali: “fiumi” ( vediamo se indovinate che caratteristica inserisce nelle campagne?) e “abate” che permette di associare ai monasteri anche le abbazie.

La winter edition, invece, rientra nell’elenco delle varianti del gioco base, ma se ne discosta veramente di poco. La differenza fondamentale è tutta nel titolo: è inverno, come fa subito capire la cover con una Carcassonne interamente gelata e sotto la neve. Come reagiranno, dunque, viandanti e contadini? Basta un poco di fantasia per capirlo: esattamente come nel gioco-base, cercando di coltivare quel poco di terra che resta a disposizione e sulla quale (variante non perfettamente sfruttata) vagano grossi animali in cerca di cibo. Oppure, possono diventare ladri “rubando” le ricchezze altrui (variante che potrebbe portare a futuri interessanti sviluppi).
La winter edition, per le ovvie differenze “stagionali” non è compatibile con il gioco base, quindi è da consigliare solo a chi si è già avvicinato e vuole regalarsi anche questa variante. In attesa della prossima, prevista già per i primi mesi dell’anno.



Carcassonne new edition – Carcassonne Winter edition Di Klaus Jurgen Wrede. Hams Im Gluck editore (importazione tedesca). Gioco di posizionamento per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su. Difficoltà medio-bassa, durata di una partita 45 minuti circa. Prezzo 26,90 euro.

Massimo Tonizzo

22/02/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here