pubblicità
pubblicità
11.6 C
Venezia
sabato 17 Aprile 2021
HomeAnzianiSindacati dei pensionati: "Caos vaccinazioni". Lettere

Sindacati dei pensionati: “Caos vaccinazioni”. Lettere

[Riceviamo e pubblichiamo]
Caos vaccini, i sindacati pensionati: “essenziale la chiarezza dell’informazione”.
Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp : “tempestati dalle richieste di chiarimenti, gli anziani che vogliono vaccinarsi stanno andando in tilt”.

Maggiore chiarezza sulle informazioni e sulle modalità di somministrazione del vaccino, nonché sul ruolo dei medici di medicina generale. È la richiesta dei sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, che in questi giorni sono stati tempestati da numerose richieste di chiarimenti da parte dei propri iscritti.
Il ritiro delle dosi AstraZeneca, che ha obbligato le Ulss a rivedere il piano vaccinale, ha peggiorato ulteriormente una situazione già molto confusa, che nei giorni scorsi ha visto alternarsi informazioni contrastanti. Si è trattato, per quanto riguarda quest’ultima novità, di un imprevisto.
Quanto all’organizzazione generale, tuttavia, era ben prevedibile che la mancanza di informazioni chiare e univoche, già denunciata dai sindacati dei pensionati, avrebbe mandato in confusione i cittadini, non solo i più anziani. «Di fronte al caos generato dagli ultimi eventi – sottolineano Elena Di Gregorio (Spi), Vanna Giantin (Fnp) e Fabio Osti (Uilp) – diventa ancora più essenziale garantire un’informazione trasparente e diretta. Molti iscritti che dovrebbero aver diritto al vaccino vorrebbero prenotarsi, ma non capiscono come fare e non trovano risposte adeguate. La prenotazione del vaccino on line, richiesta ad esempio dall’Ulss 1 Dolomiti e Ulss 3 Serenissima, inoltre, non è un sistema accessibile a tutte le persone anziane, anche se aiutate dai loro familiari».

Una questione molto importante riguarda proprio la modalità di convocazione. «Alcune Ulss, ad esempio – proseguono Di Gregorio, Giantin e Osti – avevano abolito la lettera cartacea in favore degli sms, mezzo già largamente usato per le comunicazioni sanitarie e a cui non siamo contrari. Nella particolare situazione in cui ci troviamo, tuttavia, riteniamo fondamentale non escludere le lettere tradizionali: l’sms può essere un rinforzo, non un’alternativa. L’invito al vaccino, nella situazione drammatica in cui ci troviamo, è un’informazione essenziale che non deve e non può perdersi a causa di una comunicazione inefficace».

I sindacati, inoltre, ribadiscono l’importanza dei medici di medicina generale e della collaborazione fra istituzioni. «Il ruolo dei medici di base – concludono i segretari di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil – è fondamentale, tanto come punto di riferimento primario per tutti i pazienti quanto per la somministrazione del vaccino. Proprio per questo, chiediamo maggiore chiarezza per quanto riguarda il loro coinvolgimento su questo fronte, ed anche una più sollecita collaborazione con gli enti locali, volta ad accelerare la somministrazione dei vaccini “di prossimità”. Nei momenti difficili come questo fare rete è fondamentale, e abbiamo già visto esempi positivi di come, quando l’organizzazione funziona, tutti gli ostacoli possono essere superati. In questa situazione di particolare emergenza, da cui tutta la popolazione è ancora più provata dopo l’entrata in vigore della zona rossa, auspichiamo una pronta collaborazione di Ulss, medici di base, enti locali e pubblica amministrazione, a tutela di tutti e soprattutto dei più fragili».

» potrebbe interessarti anche: “Anziani da “recludere”? Le reazioni, mentre Toti scivola: “non più indispensabili”

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
spot
sponsor