7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Sindacati dei pensionati: “Caos vaccinazioni”. Lettere

HomeAnzianiSindacati dei pensionati: "Caos vaccinazioni". Lettere
la notizia dopo la pubblicità

[Riceviamo e pubblichiamo]
Caos vaccini, i sindacati pensionati: “essenziale la chiarezza dell’informazione”.
Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp : “tempestati dalle richieste di chiarimenti, gli anziani che vogliono vaccinarsi stanno andando in tilt”.

Maggiore chiarezza sulle informazioni e sulle modalità di somministrazione del vaccino, nonché sul ruolo dei medici di medicina generale. È la richiesta dei sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, che in questi giorni sono stati tempestati da numerose richieste di chiarimenti da parte dei propri iscritti.
Il ritiro delle dosi AstraZeneca, che ha obbligato le Ulss a rivedere il piano vaccinale, ha peggiorato ulteriormente una situazione già molto confusa, che nei giorni scorsi ha visto alternarsi informazioni contrastanti. Si è trattato, per quanto riguarda quest’ultima novità, di un imprevisto.
Quanto all’organizzazione generale, tuttavia, era ben prevedibile che la mancanza di informazioni chiare e univoche, già denunciata dai sindacati dei pensionati, avrebbe mandato in confusione i cittadini, non solo i più anziani. «Di fronte al caos generato dagli ultimi eventi – sottolineano Elena Di Gregorio (Spi), Vanna Giantin (Fnp) e Fabio Osti (Uilp) – diventa ancora più essenziale garantire un’informazione trasparente e diretta. Molti iscritti che dovrebbero aver diritto al vaccino vorrebbero prenotarsi, ma non capiscono come fare e non trovano risposte adeguate. La prenotazione del vaccino on line, richiesta ad esempio dall’Ulss 1 Dolomiti e Ulss 3 Serenissima, inoltre, non è un sistema accessibile a tutte le persone anziane, anche se aiutate dai loro familiari».

Una questione molto importante riguarda proprio la modalità di convocazione. «Alcune Ulss, ad esempio – proseguono Di Gregorio, Giantin e Osti – avevano abolito la lettera cartacea in favore degli sms, mezzo già largamente usato per le comunicazioni sanitarie e a cui non siamo contrari. Nella particolare situazione in cui ci troviamo, tuttavia, riteniamo fondamentale non escludere le lettere tradizionali: l’sms può essere un rinforzo, non un’alternativa. L’invito al vaccino, nella situazione drammatica in cui ci troviamo, è un’informazione essenziale che non deve e non può perdersi a causa di una comunicazione inefficace».

I sindacati, inoltre, ribadiscono l’importanza dei medici di medicina generale e della collaborazione fra istituzioni. «Il ruolo dei medici di base – concludono i segretari di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil – è fondamentale, tanto come punto di riferimento primario per tutti i pazienti quanto per la somministrazione del vaccino. Proprio per questo, chiediamo maggiore chiarezza per quanto riguarda il loro coinvolgimento su questo fronte, ed anche una più sollecita collaborazione con gli enti locali, volta ad accelerare la somministrazione dei vaccini “di prossimità”. Nei momenti difficili come questo fare rete è fondamentale, e abbiamo già visto esempi positivi di come, quando l’organizzazione funziona, tutti gli ostacoli possono essere superati. In questa situazione di particolare emergenza, da cui tutta la popolazione è ancora più provata dopo l’entrata in vigore della zona rossa, auspichiamo una pronta collaborazione di Ulss, medici di base, enti locali e pubblica amministrazione, a tutela di tutti e soprattutto dei più fragili».

» potrebbe interessarti anche: “Anziani da “recludere”? Le reazioni, mentre Toti scivola: “non più indispensabili”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"
spot

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...
Advertisements

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013