Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
13.2C
Venezia
venerdì 05 Marzo 2021
HomeMoviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico. Di Giovanni NatoliBorg Mc Enroe, il grande duello sotto il segno di Ron Howard

Borg Mc Enroe, il grande duello sotto il segno di Ron Howard

Borg Mc Enroe, il grande duello sotto il segno di Ron Howard

Una delle cose che più amo fare quando viaggio è andare in un cinema della città dove risiedo; è così che battezzo i luoghi che vado a conoscere, un po’ come fanno i cani.

In questo caso ero a Torino; sì, ho visitato il Museo del Cinema. Ma il vero piacere è stato scoprire questa sala old fashioned, la “Centrale”, dove danno solo pellicole in lingua originale.

Una sala estesa in lunghezza e in discesa, tipo trampolino da sci con poltroncine ribaltabili di velluto rosso; perfetta! E nella hall simpatiche bacheche con vecchi libri e vecchi 45 giri. E l’insegna luminosa a neon azzurro.

Proprio ciò che amo dei cinema; la dimensione umana e il “fittizio” clima noir.. E così mi son seduto in prima fila a gustare questo “Borg McEnroe”, la pellicola del regista danese Janus Metz che racconta questa storia di avvicinamento tra due campioni del tennis: il gigante Borg e l’astro nascente McEnroe.

Dico subito che la pellicola è più che buona, cosa non frequente nei film biografici, specie in questi ultimi anni in cui il cinema racconta non tanto le vite degli “Eroi” ma particolari momenti storici. Forse si tratta di un riflesso di una certa dipendenza dal passato recente, che permette ai peggiori di ravanare nel modernariato come se si trattasse dell’ombelico.

E per i migliori di ripensare a un tempo vicino ma per certi versi lontanissimo in cui le sfide erano ancora faccia a faccia e la tecnologia muoveva i primi passi che si proiettavano nel terzo millennio. Anni 60,70,80: una frattura storica tra due millenni, forse.

Ora io sono un incompetente in fatto di tennis e però persino io so della magica finale 1980 nel singolare di Wimbledon tra la leggenda e il ribelle. Il glaciale Bjorn e lo scapestrato John; la fredda Svezia e la turbolenta NYC.

Metz, sotto l’evidente segno di Ron Howard (specialista in rivisitazioni storiche), in particolare con l’occhio rivolto verso “Rush”, ripercorre questa grande sfida facendo incrociare le due personalità, apparentemente antitetiche ma, in verità quasi interscambiabili.

C’è un momento in cui McEnroe (interpretato da un eccellente Shia LaBoeuf), osservando un match di Borg, capisce che quest’ultimo è un vulcano la cui incandescenza è celata dall’autocontrollo. In effetti i due protagonisti non son dissimili; diverse sono state le strategie educative per farli essere ciò che erano in quel momento. Strategie portate avanti da due “Padri”, quello reale di McEnroe e quello “acquisito” di Borg, il suo allenatore (un sempre ottimo Skarsgård).

E appunto questa dinamica somiglia a quella tra Lauda e Hunt nel già citato “Rush”. Metz sceglie una via più introspettiva e lavora più sul privato, in particolare per la figura di Borg (interpretato da un mimetico Sverrir Gudnason); ma la via maestra è quella del regista americano (il quale discende da Spielberg).

Comunque non siamo di fronte a un plagio quanto a un “sistema” per raccontare una storia. Sistema che Metz sembra conoscere bene e che sa personalizzare.

Il tennis è uno sport visivamente affascinante ma troppo zen per un certo cinema che deve essere ribalta di gloria in stile Roma antica. Metz però ha capacità di mettere in scena con grande senso drammatico quello che è un vero e proprio duello finale, con capacità di sintesi e senso dello spettacolo; tranne quando la musica diventa un po’ troppo enfatica e il climax è prevedibile.

Forse si poteva lavorare ancor di più di sottrazione. Anzi, forse a questo mondo si potrebbe osare di realizzare un film sportivo completamente fuori dai canoni, pensando al gesto sportivo preso in sé, con un’ asetticità priva di compromessi. Perché lo sport è qualcosa di più di una competizione e qualcosa di meno di uno spettacolo.

Forse è qualcosa che racconta di noi stessi in una dimensione superiore e distante, perlomeno straniera ai luoghi comuni. E il tennis è perfetto dal punto di vista estetico/drammaturgico. Comunque dalla sala non si esce delusi e il film qualcosa di intelligente sullo sport e sull’uomo riesce a dirlo.

BORG MCENROE
(id. 2017, Danimarca/Svezia/Finlandia)
regia: Janus Metz
con Sverrir Gunadson, Shia LaBoeuf, Stellan Skarsgard.

Giovanni Natoli

MOVIEGOER, APPUNTI DI UNO SPETTATORE CINEMATOGRAFICO. DI GIOVANNI NATOLI

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...