1.2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

HomeLido di Venezia"Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un'auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti...". La lettera
la notizia dopo la pubblicità

Lido, in una laterale del Lungomare all’altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c’è pace.
Diversi ragazzi stazionano ubriachi, alcuni passano sotto le finestre di casa e uno di loro, per “divertimento”, prende la rincorsa e urlando salta di peso sul cofano della macchina, e poi sul tetto.
Allertato dal frastuono, il proprietario si affaccia, li richiama e, mentre vengono avvertiti i carabinieri, si veste ed esce per fermarli, ma scappano.
Al bar vicino, dove ancora ci sono avventori nessuno sa niente.
Inizia il giro notturno alla ricerca dei vandali. Ovviamente sono spariti, in compenso la scena è desolante: ubriachi e sbandati ovunque.
Quando si incappa in un gruppo in cui sembra che ci sia uno dei responsabili dei danni alla carrozzeria dell’auto, quasi scatta la rissa: tracotanti, i ragazzi sragionano e anche i due carabinieri presenti sono impotenti.
I danni all’auto ammontano quasi a duemila euro, ma non è solo questo: una nottata insonne e convulsa e una giornata di lavoro che verrà persa tra denunce, carrozziere e pratiche varie per dei vandali ubriachi del lunedì sera.
Solo qualche giorno fa nella stessa strada lanci di uova, danni agli specchietti delle auto, vetri rotti di bottiglia e il vicinato che subisce quotidianamente gli schiamazzi.

Si fa tanta retorica sui giovani e sulla presenza delle famiglie, ma le domande dovrebbero spingersi un po’ più in là: sembra che bar, alcol e sballo siano l’unica risorsa che hanno questi ragazzi e che viene concessa loro da questa città.
I proprietari degli esercizi non si possono colpevolizzare, ma certo non vendono camomilla, e se arriva un avventore già alticcio probabilmente non rifiutano l’ennesima consumazione, in ogni caso i risultati si vedono tutti.
Sarebbe poi da domandarsi, quando gli avventori sono minorenni, se viene sempre chiesto loro il documento di identità, e soprattutto, quando vengono fermati, quali provvedimenti possono essere presi.

Il presidio delle forze dell’ordine è del tutto insufficiente: i due agenti in servizio sono accorsi subito, ma, anche a detta loro, le segnalazioni per disturbo alla quiete pubblica e per vandalismo sono tante e continue.
È tanto difficile organizzare un presidio del territorio per evitare situazioni del genere? Non si possono installare telecamere almeno nelle zone di maggiore richiamo perché permettano di identificare gli eventuali trasgressori? E poi è giusto che un servizio pubblico così importante e a carico dei contribuenti, con tanti problemi più gravi che ci sarebbero da gestire, debba essere impiegato quotidianamente per intervenire in episodi del genere?

Verrebbe da dire il Lido di Venezia come Jesolo, situazioni così preoccupanti non si verificano soltanto qui: episodi di “malavita” di questo genere ce ne sono e ce ne sono stati anche nel Centro storico, anche quando c’erano le misure anti assembramento e le restrizioni di orario. Basta pensare a certe scene dell’ultimo Carnevale: che dire del ragazzo pestato a metà pomeriggio ai piedi del Ponte di Rialto da due ubriachi?

sponsor

 

Last but not least, verrebbe da chiedersi cosa fa l’amministrazione comunale, quali controlli, quali provvedimenti o regolamenti e se vengono fatti rispettare.
Magari chiederle cosa vuol rispondere ai residenti in una città così mal gestita e sempre meno sicura, mentre ci si preoccupa solo dei turisti, che si cerca di richiamare a frotte.
E cosa penserebbero i turisti stessi sapendo che in questa città c’è ben poco da stare tranquilli ….

Servizi di trasporto allo sbando, marinai in pronto soccorso e “security” agli approdi; solo tre notti fa un tentato stupro; e questa cosiddetta “movida” nostrana e importata….. enjoy and respect, mi raccomando.

Adesso che siamo in zona bianca, solo all’inizio della stagione estiva, cosa ci dovremo aspettare col “libera tutti”?

lettera firmata

(foto: “giovane salta su auto” da archivio, a titolo solo dimostrativo, non correlata alla segnalazione del lettore)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Tutte le zone di Venezia che in questi anni sono nati Bar come i funghi hanno questi problemi.L’orario di chiusura alle 2 è eccessivo basterebbe portarlo alle 23 max 24

    • E la gentaglia farebbe caos lo stesso, solo due ore prima, e il sottoscritto che magari lavora su un manoscritto fino a mezzanotte e poi vuole bersi un bicchiere in tranquillità non può scendere a farlo…

  2. In campo santa margherita è da anni che abbiamo lo stesso problema tutto l’anno. Siamo stati tranquilli e sicuri solamente quando i locali erano chiusi per la pandemia. Poi è tornato tutto come prima con i barchini a tutta velocità con musica alta fino alle 4 della mattina. Per non bastare i locali in campo si sono moltiplicati negli ultimi anni, ultimamente una gelateria si è trasformata in una rivendita di bottiglie di birra. Sconsolante per non dire altro….
    Oramai è un problema sociale però nessuno fa niente per impedirlo

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".