21.9 C
Venezia
giovedì 23 Settembre 2021

Bonus tv al via da oggi, ecco lo sconto per l’acquisto della nuova tv

HomedigitaleBonus tv al via da oggi, ecco lo sconto per l'acquisto della nuova tv

Il bonus tv parte oggi. Il digitale va verso protocolli più moderni di compressione e trasmissione audio e video, così l’immagine televisiva può essere più fluida e dettagliata occupando meno banda (ci stanno più canali televisivi nello stesso spazio).
Ma i particolari tecnici non importano a gran parte degli acquirenti.
Nemmeno quelli che osservano che aggiornando firmware e software interni del televisore, e soprattutto del decoder, si poteva evitare di cambiare apparecchio (a seconda del modello) in moltissimi casi.
Nessuno però ne parla di questo: la sostituzione di televisori e decoder dà una bella scossa all’economia, e poi… c’è il bonus tv.
Andiamolo dunque a vedere questo “bonus tv”.

Da oggi, dunque, lo sconto statale.
Sono finora 5.651 i bonus rottamazione richiesti dai cittadini e riconosciuti dagli esercenti attraverso la piattaforma telematica dell’Agenzia delle Entrate per l’acquisto di televisori compatibili con il nuovo standard di trasmissione, mentre le richieste relative al bonus decoder sono 800.
La misura del bonus tv parte con uno stanziamento iniziale di 250 milioni che potrebbero essere incrementati con l’aumentare delle richieste.

BONUS TV: SCONTO SU ACQUISTO NUOVO TELEVISORE O DECODER

Il bonus, che non prevede soglie Isee, consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto del nuovo televisore.
L’apparecchio lo scegliete voi, in piena autonomia, anche maxi schermo o un modello costoso, perché no.
L’importante è sapere che lo sconto arriverà al massimo a 100 euro.

COME FARE?
Si può portare semplicemente in negozio un apparecchio tv acquistato prima del 22 dicembre 2018, e cioè che non risulta più idoneo ai nuovi standard tecnologici di trasmissione televisiva.
Da oggi i rivenditori di apparecchi televisivi possono accedere alla piattaforma messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per ricevere l’autorizzazione al rilascio del bonus TV.
Per richiederlo – fa sapere il ministero – occorrerà presentarsi dal rivenditore o presso un’isola ecologica autorizzata portando con sé la vecchia tv e l’apposito modulo di dichiarazione sostitutiva scaricabile dal sito del Mise.

Il passaggio al nuovo standard del digitale terrestre consentirà di godere di una qualità delle immagini molto superiore all’attuale e di ricevere piu’ canali.
Il processo, determinato dalla necessità di liberare la banda 700 Mhz, molto utilizzata in Italia, soprattutto dalle tv locali, per far spazio alla rete 5G per gli operatori di telefonia, ha subito uno slittamento per consentire un percorso più graduale.
Lo switch off del segnale, poco più di dieci anni dopo il passaggio al Dvb-T1, che ha radicalmente modificato le modalità di visione sul piccolo schermo, inizierà infatti non prima del 15 ottobre del 2021, rispetto all’avvio dal primo settembre previsto in precedenza.
Le modifiche, in questa prima fase, saranno lasciate alle decisioni delle singole emittenti.
La Rai dovrebbe, ad esempio, trasmettere in Mpeg4 solamente i canali specialistici mentre quelli generalisti resteranno visibili in Mpeg2, e lo stesso potrebbe fare Mediaset.
La dismissione definitiva della codifica Mpeg2, con l’obbligo per le emittenti di adeguarsi, sarà stabilita in un altro provvedimento entro la fine del 2021.

sponsor

 

La notizia del nuovo terremoto dell’etere era stata diffusa nel 2019, quando si parlava della necessità di trovare altre bande per il 5G.
Il nuovo calendario per il riassetto delle frequenze nelle aree regionali prevede che il passaggio avvenga dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021 nell’area 1A – Sardegna; dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022 nell’area 2 – Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; nell’area 3 – Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza; dal 1 marzo 2022 al 15 maggio 2022 nell’area 4 – Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche; Dal 1 maggio 2022 al 30 giugno 2022 nell’area 1B – Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania.

Da allora lo standard passerà dal MPEG2 a favore dell’MPEG4, che consente già oggi di vedere i canali in Hd.
Non avranno problemi a ricevere i canali tutti coloro che hanno un televisore che permette già oggi la ricezione del segnale in alta definizione dal numero 500 in poi del telecomando.

Il governo ha confermato che la cessione della banda 700 MHz alla telefonia resta fissata per l’1 luglio 2022.
L’attivazione del Dvbt-2 a livello nazionale, invece, sarà invece disposta a partire dal 1 gennaio 2023, e non più giugno 2022, “ritenendo necessario – spiega il ministero – un periodo più ampio per l’implementazione a regime del nuovo standard”.

Per verificare se il proprio schermo e’ compatibile con questo standard occorre sintonizzarsi sui due canali test 100 e 200: solo se appare il messaggio “Test HEVC Main10” il modello e’ abilitato alla ricezione.
Attenzione però, prima di buttare via il vostro apparecchio che forse non è così male, risintonizzate i canali.
Potrebbe esserci il caso, infatti, che il 100 e il 200 non li vediate perché non li avete in memoria in quanto mai utilizzati prima.
E neanche questo ce lo dicono.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor