7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Bonus mobilità per comprare biciclette e monopattini: Ecco come

HomeTrasportiBonus mobilità per comprare biciclette e monopattini: Ecco come
la notizia dopo la pubblicità

furti biciclette san dona
Bonus mobilità per l’acquisto di biciclette e monopattini, possono usufruirne tutti i residenti nei 44 comuni della Città metropolitana veneziana.

Si chiama “bonus mobilità” e sarà pari al 60 per cento della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a euro 500. Sarà erogato per l’acquisto di biciclette nuove o usate tradizionali e a pedalata assistita, di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica come ad esempio monopattini, hoverboard e segway.

Può essere fruito utilizzando una specifica applicazione web che è in via di predisposizione e sarà accessibile, anche dal sito istituzionale del Ministero dell’ambiente, entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto interministeriale attuativo del Programma buono mobilità. Per accedere all’applicazione è necessario disporre delle credenziali Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Fase 1: dal 4 maggio 2020 fino al giorno di inizio operatività dell’applicazione web è previsto il rimborso al beneficiario; per ottenere il contributo è necessario conservare il documento giustificativo di spesa (fattura e non scontrino) e allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione web.

Fase 2: dal giorno di inizio operatività dell’applicazione web è previsto lo sconto diretto da parte del fornitore del bene/servizio richiesto, sulla base di un buono di spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web. In pratica gli interessati dovranno indicare sull’applicazione web il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa digitale da consegnare ai fornitori autorizzati per ritirare il bene o godere del servizio individuato.

Per la fase 1 è dunque possibile acquistare la bici o il veicolo per la mobilità personale in qualsiasi negozio. Basta che venga rilasciata la fattura.

Nella fase 2, sulla piattaforma che sarà rilasciata e comunicata attraverso il sito del Ministero dell’Ambiente, sarà pubblicato l’elenco di tutti i negozianti aderenti all’iniziativa. I buoni di spesa devono essere utilizzati entro 30 giorni dalla relativa generazione, pena l’annullamento.

“Un’altra dimostrazione di come essere una città metropolitana sia “conveniente” – spiega Saverio Centenaro, coordinatore dei consiglieri delegati – Su nostra sollecitazione il Ministero dell’Ambiente ha chiarito, pubblicando una serie di Faq sul proprio sito, criteri e procedure di assegnazione del contributo che interessa per l’anno 2020 i maggiorenni che hanno la residenza (e non il domicilio) nei capoluoghi di Regione (anche sotto i 50.000 abitanti), nei capoluoghi di Provincia (anche sotto i 50.000 abitanti), nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti)”.

“L’allargamento a tutti comuni delle 14 città metropolitane del buono mobilità chiarisce un dubbio sul quale ci eravamo subito mossi – aggiunge Centenaro – Per i residenti dei 44 comuni del nostro territorio un’occasione unica che ricopre una duplice valenza: quella di incentivare la mobilità sostenibile e quella di offrire l’occasione di usufruire delle piste ciclabili nuove o ripristinate presenti sul territorio provinciale”.

“In accordo con i Comuni del territorio, su indicazione del Sindaco metropolitano Brugnaro, abbiamo predisposto progettazioni per il collegamento di tratti già esistenti e laddove necessitano, di nuove piste che favoriscano al massimo la mobilità ciclopedonale in condizioni di sicurezza, all’interno del più ampio progetto di intermodalità del nostro muoverci quotidiano – conclude Centenaro -. Gli uffici della Città Metropolitana, grazie alle politiche adottate dall’amministrazione sullo smart working, anche in questo periodo di emergenza continuano a lavorare a nuovi interventi ed a seguire i cantieri già in essere al fine di terminare i lavori, dove possibile, nei tempi stabiliti come nel caso di Ca’ di Valle a Cavallino-Treporti”.

Nel dettaglio ecco gli interventi programmati e messi a bilancio:

Cantieri aperti
1. S.P. 42 Pista ciclabile Ca’ di Valle in Comune di Cavallino Euro 530.000.

Gare in corso/concluse
1. S.P. 22 – Pista ciclabile Via Risorgimento Mira Euro 150.000.
2. S.P. 40 Completamento percorso ciclabile Dese – I° Stralcio – Euro 300.000, avvio cantiere a giugno 2020
3. Completamento ciclabile Portegrandi – Ca’ Sabbioni – Gara Progettazione – aggiudicata Euro 3.000.000

Progettazioni in corso
1. S.P. 40 Completamento percorso ciclabile – II° Stralcio – Euro 200.000
2. S.P. 30 Realizzazione pista ciclopedonale di via Caltana. Euro 6.000.000,00
3. S.P. 40 Pista San Liberale – Euro 700.000,00
4. S.P. 75 Pista San Michele al Tagliamento – Euro 1.000.000,00

In fase di programmazione ci sono inoltre gli interventi seguenti:
1. Itinerario ciclabile che congiunge la pista ciclabile Treviso- Ostiglia a Venezia per il quale è stato sottoscritto in data 02 marzo 2020 un protocollo d’intesa tra Città Metropolitana di Venezia, Comune di Venezia, Comuni di Spinea, Martellago, Scorzè e Trebaseleghe (Pd).
2. Completamento itinerario ciclabile metropolitano tra l’area del Graticolato Romano e la Laguna di Venezia per il quale è previsto lo stanziamento per la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica. L’importo presunto per la realizzazione dell’intervento è pari ad Euro 2.680.000.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".