COMMENTA QUESTO FATTO
 

Stop alle biciclette a Venezia: nuova ordinanza

Stop della Giunta alle biciclette, non in quanto tali per accanimento, bensì per estirpare quello spettacolo indecoroso che consisteva nel vedere turisti ecologisti pedalare per le calli e poi posteggiare le due ruote incatenandole ai corrimani o ai lampioni per tornare a recuperarle più tardi.

Ora, scorrazzare in sella a una due ruote per le vie cittadine è vietato, il sindaco Luigi Brugnaro è andato oltre, facendo approvare una modifica al regolamento comunale di polizia urbana per mettere un freno alle biciclette, anche se portate a mano.

Un proposito, quello del primo cittadino, espresso a chiare lettere già nell’agosto dello scorso anno. “Vogliamo cambiare il regolamento – aveva detto – e impedire che le bici arrivino nel centro storico a Venezia”. “Nessuna ‘guerra’ – spiega Marco Agostini, comandante della polizia municipale – ma solo una questione di buon senso. Con il numero sempre crescente di turisti che arrivano in città immaginare di trovare anche sempre più persone che girano per le calli strette portando a mano bici cariche di borsoni vuol dire che i problemi alla circolazione pedonale aumentano”.

La nuova disposizione ora è arrivata, e prevede di fatto l’allontanamento delle due ruote dal panorama urbano di Venezia. D’altronde negli ultimi anni sono state sempre più frequenti le occasioni per incontrare turisti bardati da ciclisti che una volta scesi dal treno, o arrivati a Piazzale Roma, non trovando forse luoghi deputati per lasciare il mezzo, con pazienza e incuranti della scomodità portavano a mano la bicicletta attraverso calli e ponti, per l’agognato punto d’arrivo: Piazza san Marco.

La delibera, che dovrà passare prima nelle commissioni e poi in Consiglio comunale per il voto, non è fatta solo di divieti e punizioni, ma prevede alcune deroghe. Lo stesso Brugnaro aveva ricordato la necessità di considerare che qualche veneziano potrebbe decidere di portarsi dalla terraferma la bici a casa, oppure di andare a prendere un vaporetto con la sua due ruote per fare una pedalata al Lido.

Così, nella modifica al regolamento – l’atto non è ancora stato pubblicato – c’è la possibilità di solcare con la bici a mano il suolo cittadino per prendere un mezzo verso il Lido o le isole lagunari, o di spostarsi da Piazzale Roma alla stazione ferroviaria, via Ponte Calatrava. Per i bambini fino agli otto anni resta valido che possono girare in gran parte della città, tranne ovviamente a San Marco.

25/10/2016

Redazione

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here