Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
8.9C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeNotizie NazionaliBenedizione di Pasqua sospesa, Arcidiocesi: "Malintesa laicità eretta a feticcio"

Benedizione di Pasqua sospesa, Arcidiocesi: “Malintesa laicità eretta a feticcio”

Benedizione di Pasqua sospesa, Arcidiocesi: "Malintesa laicità eretta a feticcio"

Benedizione di Pasqua sospesa in una scuola di Bologna per decisione del Tar a cui si era rivolto un gruppo di genitori e docenti.

“Sorprende l’accanimento verso iniziative liberamente votate e svolte sulla base di un’adesione altrettanto libera, in nome di una malintesa laicità eretta a feticcio, non come un fattore di libertà e partecipazione alla vita della scuola”.

Bologna Sette, supplemento al quotidiano ‘Avvenire’ curato dal centro servizi generali dall’Arcidiocesi di Bologna, risponde così al fatto con un articolo firmato dal giurista Paolo Cavana che verrà pubblicato domani. Nell’articolo si commenta “la decisione con la quale il Tar dell’Emilia-Romagna ha accolto il ricorso presentato l’anno scorso da alcuni docenti e genitori contro la benedizione pasquale in una scuola di Bologna, autorizzata a larga maggioranza dal Consiglio d’istituto e svolta in orario extrascolastico, annullando la relativa delibera”.

Cavana spiega: “premesso che nel nostro ordinamento le sentenze dei giudici, in questo caso di primo grado, valgono solo per il caso concreto e possono essere impugnate, va detto che la motivazione della decisione suscita molte perplessità”.

Motivazione della decisione che si basa su “una ricostruzione del principio di laicità, inteso come esclusione del fattore religioso dalla scuola pubblica e nella sua arbitraria riduzione a fatto meramente privato” che “non appartiene alla nostra tradizione costituzionale e legislativa.

In relazione alla scuola la nostra giurisprudenza costituzionale ha infatti affermato che il principio di laicità ‘risponde non a postulati ideologizzati ed astratti di estraneità, ostilità o confessione dello Stato-persona o dei suoi gruppi dirigenti, rispetto alla religione o ad un particolare credo, ma si pone a servizio di concrete istanze della coscienza civile e religiosa dei cittadini'”. E “la nostra Corte costituzionale ha ritenuto del tutto legittima l’ora di religione nella scuola pubblica, a condizione che sia assicurato il diritto di avvalersene o meno.

Altrettanto ha fatto la Corte europea in relazione al crocifisso”. “Analoga – sottolinea Cavana – è la fattispecie della benedizione pasquale, che rappresenta una tradizione diffusa la quale, se svolta in orario extrascolastico e con la piena garanzia della libertà di parteciparvi o meno, il Consiglio di Stato aveva già ritenuto legittima” e “anche la nostra legislazione, definendo la scuola come ‘luogo di promozione culturale, sociale e civile’, l’ha sempre inteso anche con riferimento al fattore religioso”.

“Francamente sorprende – è la conclusione – che di tali riferimenti non vi sia alcun cenno nella decisione” così come “sorprende ancor di più l’accanimento”.

Paolo Pradolin
13/02/2016

(cod benediziopa)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.