18.9 C
Venezia
lunedì 27 Settembre 2021

Bar pieno, arrivano i carabinieri: uomo accende motosega e la agita in aria

HomecontrolliBar pieno, arrivano i carabinieri: uomo accende motosega e la agita in aria

Bar pieno di clienti, arrivano i carabinieri: un uomo prende una motosega, la accende e la agita in aria per minacciare i militari che erano venuti a fare il controllo del locale.
Covid, eccessi e follie, verrebbe da dire. Il fatto è avvenuto ieri sera nel sud della Sardegna.
L’uomo, un cliente del bar, ha acceso la motosega brandendola in aria come nei peggiori film horror per intimidire i carabinieri intervenuti.
Il bar, è bene precisarlo, nonostante le norme entrate in vigore per frenare la diffusione del coronavirus, era pieno di gente.

È accaduto a Villamar (RPT: Villamar), nel Sud Sardegna. Il protagonista, un agricoltore di 40 anni, è stato denunciato per porto di oggetti atti ad offendere e disturbo della quiete delle persone. Multato anche il titolare del bar che non ha limitato l’accesso ai clienti: all’interno c’erano infatti circa 100 persone.
Al 112, per questo motivo, era arrivata una telefonata che segnalava l’assembramento nell’esercizio pubblico. Sul posto sono subito arrivate le pattuglie della Stazione di Villasor e della Compagnia di Sanluri.
I carabinieri si sono subito accorti che il bar era pieno di gente e che il titolare non aveva nemmeno affisso all’esterno il cartello per indicare la capienza massima di venti persone.

I militari dell’Arma hanno fatto lentamente allontanare gli avventori, innescando una serie di proteste. Particolarmente pesante quella messa in atto dall’agricoltore: dopo essere uscito dal bar, ha raggiunto la propria auto dove ha prelevato una motosega. Poi si è piazzato davanti al locale e l’ha accesa, brandendola in aria con fare minaccioso.

» ti potrebbe interessare anche: “Ne’ distanziamento ne’ rispetto per gli orari: altri due bar a gestione cinese chiusi

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor