24 C
Venezia
domenica 01 Agosto 2021

Annega bambino di 11 anni. Aveva minacciato il suicidio: “I miei genitori si drogano”

HomeCronacaAnnega bambino di 11 anni. Aveva minacciato il suicidio: "I miei genitori si drogano"

Annega bambino di 11 anni. Aveva minacciato il suicidio: "I miei genitori si drogano"

Il piccolo frequentava la prima media ed era stato seguito a scuola da un insegnante di sostegno e dall’«Assistente educatrice culturale», figura assegnata ad alunni con problemi. Le stesse operatrici lo scorso marzo avrebbero segnalato alla scuola e ai servizi sociali una situazione familiare «difficile». Quel giorno lo studente, in uno dei tanti momenti di particolare agitazione, aveva detto piangendo frasi strazianti, angosciose, inconciliabili con i suoi 11 anni: «Non ce la faccio più, ora mi ammazzo». Aveva detto alle assistenti di un clima familiare duro da sopportare, raccontando di genitori che si drogavano davanti a lui, di violenze subite.

Possono quelle grida d’aiuto c’entrare nella tragedia accaduta ieri? Al momento nessuno può dirlo. L’unica cosa certa è che quelle grida sono rimaste inascoltate.

La disgrazie è avvenuta lunedì pomeriggio sul litorale a nord di Roma, a Fiumicino. Il bambino di 11 anni è stato trovato morto dopo essere caduto in un canale di irrigazione. E’ accaduto in viale di Campo Salino, nella zona agricola di Maccarese.

A tirare fuori dall’acqua il corpo un poliziotto del commissariato di Ostia libero da servizio che era andato a prendere il figlio in una scuola vicina. L’agente si è precipitato e ha afferrato il bambino portandolo in superficie.

E’ atterrata anche l’eliambulanza Pegaso 33, partita dalla base di Viterbo e attrezzata per il recupero di persone in zone particolarmente difficili. Le manovre di rianimazione sono durate a lungo, ma purtroppo non sono servire a salvargli la vita. Sul posto vigili del fuoco e agenti del commissariato di Fiumicino che indagano sulla vicenda.

L’ipotesi è che il piccolo sia morto annegato probabilmente dopo essere scivolato e aver sbattuto la testa. Ma solo l’autopsia potrà chiarire con esattezza le cause del decesso.

Secondo quanto ricostruito finora, il piccolo stamattina era andato a scuola e dopo a pranzo a casa della nonna. Poi è uscito per andare a giocare con gli amichetti. Il canale che si trova nei pressi di un asilo nido è a circa 200 metri dalla casa dei nonni. Secondo una prima ricostruzione, intorno alle 15.45 la nonna non vedendolo più ha cominciato ad impensierirsi e urlando ha richiamato l’attenzione dei residenti del comprensorio.

In quel momento, tra l’altro, nell’asilo nido “L’isola che non c’è”, che si trova proprio a pochi metri dal canale, c’era tanta gente per festeggiare la festa dei nonni. Così diversi genitori hanno aiutato la donna a cercare il nipotino.

Sulla vicenda sono in corso indagini per ricostruire esattamente l’accaduto. La zona è stata transennata e c’è la polizia scientifica per i rilievi. La polizia sta ascoltando testimoni per ricostruire esattamente l’accaduto. Non ci sarebbero al momento testimoni diretti dell’incidente.

Ancora da chiarire se il bambino fosse solo quando è caduto nel canale e il punto esatto in cui è scivolato. L’autopsia potrà dare elementi importanti.

Nel frattempo, emergono particolari importanti sulla vita dello sfortunato undicenne di cui riferiamo in apertura.

Mario Nascimbeni | 04/10/2016 | (Photo d’archive) | [cod banne]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.