20.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Astrazeneca, contro-ordine: “consigliato” agli over 60, la firma nella notte

Homevaccino AstraZenecaAstrazeneca, contro-ordine: "consigliato" agli over 60, la firma nella notte

AstraZeneca è raccomandato sopra i 60 anni, ma non vietato agli under 60. L’Italia a mezzanotte firma il documento in cui si raccomanda il siero del vaccino anglo-svedese solo per chi ha più di 60 anni, sebbene non ci siano elementi per scoraggiare la somministrazione della seconda dose per quanti avessero già avuto la prima.
La disposizione, a ben vedere, va in direzione contraria alle avvertenze iniziali, soprattutto a quelle che consigliavano diversi paesi europei.
L’ennesimo colpo di scena sul vaccino di Astrazeneca, che sarà ora raccomandato per gli over 60 dopo esser stato consigliato per gli under 55 e poi esteso a tutte le classi di età, costringe il governo a rimettere mano al piano vaccinale, già cambiato tre volte dall’inizio della campagna a dicembre.
Con il siero dell’azienda anglo-svedese che sarà ora somministrato ai 60-79enni.
Ma al di là delle decisioni che verranno prese in queste ore, un dato è già chiaro ed evidente a tutti: la modifica in corsa e, soprattutto, i timori sempre più diffusi tra gli italiani, rischiano di provocare ulteriori rallentamenti alle vaccinazioni proprio nel momento in cui è fondamentale imprimere un’accelerazione.

I numeri dicono che ad oggi ci sono 8 milioni di italiani che hanno ricevuto una prima dose di vaccino e a 2.294.203 di loro è stato somministrato il siero di Astrazeneca.
Come si procederà con personale scolastico, forze armate e forze di polizia, le categorie prioritarie alle quali finora è stato riservato Astrazeneca?
“Al momento non ci sono elementi per scoraggiare l’utilizzo della seconda dose” spiega il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli. E’ probabile dunque che chi ha già fatto la prima dose riceverà anche la seconda, indipendentemente dall’età. Ma è la stessa Ema a non escludere l’ipotesi del ‘mix’ tra vaccini diversi: “potrebbe essere efficace” dice la presidente del comitato di sicurezza Sabine Straus aggiungendo però che al momento “non ci sono ancora dati disponibili”.
Il secondo problema, che rischia seriamente di compromettere la campagna di vaccinazione almeno nell’immediato, costringendo dunque il governo a rivedere anche i piani relativi alle riaperture, è legato invece alla paura che neanche troppo sottotraccia si sta diffondendo e che porta gli italiani a disertare i centri vaccinali.
In Lombardia, spiega il membro del Cts lombardo Carlo Signorelli, un 15-16% di prenotati non si è presentato. E alla Asl Napoli 1, martedì, su 4mila prenotati 800 hanno disertato la vaccinazione.
Segnali d’allarme che potrebbero aumentare nei prossimi giorni e contro i quali a poco servono, purtroppo, le rassicurazioni degli esperti.
“Il vaccino è utilizzabile in tutte le fasce di popolazione” dice il direttore dell’Aifa Nicola Magrini mentre il virologo Andrea Crisanti ricorda che “prendere un aereo ha un rischio di trombosi 100 volte superiore a fare un vaccino”.

“Rischiamo di avere vaccini che non riusciamo a inoculare, perché la gente non li vuole”, dice il governatore del Friuli Massimiliano Fedriga esplicitando il timore di tutti. Nei frigoriferi delle Regioni ad oggi ci sono almeno 1,8 milioni di dosi di Astrazeneca. Per evitare che restino lì la soluzione individuata da Figliuolo è di somministrarlo fin dalle prossime ore alla categoria 60-79 anni.
“Una platea – sottolinea il generale nell’incontro con i governatori – di circa 13 milioni di persone, due dei quali hanno già avuto la prima dose”. Ma bisognerà anche decidere come vaccinare tutti coloro che non potranno più avere Astrazeneca e, dunque, come rimodulare l’utilizzo degli altri due vaccini al momento disponibili, Pfizer e Moderna. Secondo Luca Zaia il vero rischio è che nel prossimo mese “si andrà avanti solo con le seconde dosi”. “Navighiamo a vista” ammette il governatore del Veneto che chiede se ci saranno nuove forniture da parte delle altre case farmaceutiche.

» ti potrebbe interessare anche: “Vaccini, segnalato decesso di insegnante di 32 anni vaccinata con Astrazeneca

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.