4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Anestesisti, burn out e periodo pandemico. Il congresso Icare

HomemediciAnestesisti, burn out e periodo pandemico. Il congresso Icare
la notizia dopo la pubblicità

continua a leggere dopo la pubblicità

La pressione quotidiana nel periodo pandemico, il lavoro spesso oscuro e nascosto, il confronto quotidiano con la sofferenza e lo stress professionale: il burnout degli anestesisti-rianimatori è stato ed è una spia di criticità all’interno di una delle professioni maggiormente coinvolte nell’emergenza SARS.CoV2.
Nel Congresso ICARE2021 della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva-SIAARTI proprio l’ampia tematica dello stress professionale è stata protagonista di numerose sessioni.
Come mai questa focalizzazione?
“Il fenomeno del burn out negli anestesisti rianimatori è ben noto già da prima della pandemia COVID19” risponde Maria Grazia Frigo, responsabile unità operativa anestesia in ostetricia presso il Fatebenefratelli di Roma e coordinatrice dei progetti di questo ambito presso SIAARTI, “durante l’emergenza sanitaria è cresciuto, in maniera esponenziale, l’interesse da parte della nostra Società scientifica per il benessere e l’equilibrio psico-somatico degli operatori coinvolti al fine di tutelare sia gli operatori che garantire la qualità delle cure”.

In particolare, nella giornata di oggi durante ICARE2021 è stato presentato il dato d’insieme di una survey SIAARTI, che raccoglie l’analisi statistica sui risultati dei questionari Maslach Burnout Inventory (MBI), Resilience Scale (RS-14), Coping Inventory to Stressful Situations (CISS) e Intolerance of Uncertainty Scale-Revised (IUS- R) somministrati a un campione di 1042 anestesisti.
I dati sono stati presentati da Michela Di Trani, direttrice del Dipartimento di psicologia clinica all’università La Sapienza di Roma.
La survey, che ha coinvolto 1009 anestesisti-rianimatori (63% donne, età media 43,8% età media, 14%specializzandi, 14% ha contratto il COVID-19).

L’obiettivo dell’ampio lavoro era osservare i livelli burnout degli anestesisti italiani attraverso l’analisi di specifici profili emersi durante la pandemia, analizzando il rapporto tra livelli di burnout, caratteristiche socio-demografiche e variabili legate al contesto lavorativo.

La ricerca ha fatto emergere quattro profili: il soggetto resiliente, quello in burnout, quello in riserva emotiva e coloro che vivono in una dimensione di distacco.

Il gruppo dei resilienti rappresenta il 33% dei partecipanti: ha mostrato elevate capacità di gestione della condizione lavorativa, vivendo in modo equilibrato lo stress professionale.

Il profilo di anestesisti-rianimatori in pieno burnout è del 20%: ha vissuto grave disagio professionale nel periodo pandemico, con alti livelli di esaurimento emotivo e depersonalizzazione, con scarsa gratificazione operativa.

Il gruppo in riserva emotiva è del 20%: ha accumulato fattori preoccupanti di stress e di esaurimento emotivo. Le donne sono la maggioranza di questo profilo, ed i giovani ne rappresentano la popolazione anagrafica più importante.

Il profilo che vive in distacco ha la dimensione del 27% dei partecipanti alla survey: sono professionisti che hanno maturato un atteggiamento anche inconsciamente difensivo, con l’allontanamento dalle condizioni umane, emotive e tecniche del lavoro e delle persone che in esso sono coinvolte (pazienti, colleghi, altri operatori). Gli uomini rappresentano la percentuale maggiore di questo gruppo.

Secondo Michela Di Trani, questi dati possono già suggerire alcuni interventi organizzativi e soggettivi attraverso azioni specifiche: sostenere le condizioni più evidenti e strutturate di disagio; prevenire il burnout con interventi a favore di competenze e sostegno dei profili più a rischio; promuovere le capacità di stabilità e resilienza nelle condizioni di maggior stress.

Ma cosa ha insegnato dunque il periodo pandemico al mondo degli anestesisti-rianimatori nel rapporto con i momenti più pesanti e snervanti della loro professione, anche a fronte dei numeri della survey? “Ci ha insegnato che è indispensabile inglobare nella nostra formazione specialistica le competenze comunicative e relazionali”, risponde Maria Grazia Frigo concludendo, “Questo diventa possibile attraverso una formazione continua finalizzata alla ‘manutenzione’ del benessere psicosomatico degli anestesisti rianimatori in modo da potenziarne la resilienza anche in funzione di una gestione proattiva del rischio clinico”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...