4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

HomeCampo Santa MargheritaAnche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro.
Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta.

“Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi piace molto questa città, e se fosse possibile, vorrei andarci per lavorare “a distanza” qualche mese all’anno. Durante l’anno scorso, ogni giorno, ho guardato webcams in Venezia (ho visto Piazza San Marco e i canali svuoti, poi ho visto le riprese di “Mission Impossibile”, poi la gente che cominciava da venire di nuovo in Venezia, e recentemente i neolaureati sulla Piazza San Marco). Sono triste ogni volta che leggo storie di negozi che chiudano e cittadini che vanno via. Penso che la prima cosa da fare è chiedere ai cittadini perché se ne sono andati via. Forse pensate che conoscete tutte le ragioni ma forse potete imparare molte cose se chiederete ai cittadini. Penso che i lavori a distanza possono essere una possibilità per avere nuovi cittadini in Venezia (ma è anche importante che rimangono i cittadini originali). Scusi il mio italiano, sto imparando”.

Eric, che ringraziamo ancora, congratulandoci per il suo ‘italiano’ ci suggerisce di parlare con i cittadini, ascoltarli per meglio capire, proprio perché la capacità di dialogare permette a tutti di trovare nuove forme di comunicazione per arginare indignazione, silenzio e indifferenza.

Ritorna l’incubo notturno di campo Santa Margherita (senza dimenticare altre zone, come Rialto, i Tolentini, gli Ormesini a Cannaregio e altre parti della città, gradite ai giovani).
Ritorna perché anche la storica Cassa di Risparmio, dirimpettaia dei banchi del pesce, si trasformerà in bar, o qualcosa di simile, nel senso che offrirà bevande alcoliche, aumentando il numero dei locali che arriveranno a quota 50.
Un bel traguardo e un brutto presagio.

I saggi invitano a non confondere le cause con gli effetti.
E per ora sappiamo che molte famiglie che vivono nelle zone limitrofe, non ne possono più, se ne vogliono andare, vessati dai tormenti notturni causati dalle notti in bianco e dalle spiacevolezze che le prime luci dell’alba mettono in risalto.
Questi residenti, sembrano non avere scelta, anche se lasciare la propria città è un dolore immane.
Altri, vivono aspettando un’abitazione, magari pubblica, le raccomandate che intimano allo sfratto, sono già arrivate. E anche quelle tolgono il sonno.
E poi ci sono quelli che la casa vuota ce l’hanno e che la tengono chiusa.
Non la affittano ai residenti o alle giovani coppie, ma, spesso, a turisti per brevi periodi.
Ne traggono più guadagni e a proposito della sbandierata libertà degli ultimi tempi, ognuno è libero di fare quel che vuole e gli conviene. O no?

Lasciamo in sospeso il punto interrogativo e comprendiamo che la somma delle responsabilità e delle irresponsabilità, non fa un totale.
E a proposito di diritti: gli esercenti di guadagnare, i ragazzi di bere, i plateatici di allargarsi, la movida di affermarsi, soprattutto di sabato notte: la notte brava induce alla vendetta dopo più di un anno di segregazione. Basta mascherine, distanziamento, son cose passate, da dimenticare.

C’è chi ricorda, come l’Assessore al Commercio Sebastiano Costalunga, che Il problema era già stato affrontato molti anni fa e che si era trovata una soluzione con una sorta di autogestione concordata tra residenti ed esercenti.
Questi ultimi avevano anche incaricato le guardie giurate per la vigilanza privata.
I Comitati, le associazioni, la raccolta di firme e le petizioni al Sindaco, non hanno avuto effetto alcuno.
I vigili non possono rispondere agli effetti di una marea di problemi, di interessi economici e al sacrosanto diritto dei residenti di poter vivere in santa pace.
Non ce la fanno: per numero e per competenze.

sponsor

Eppure di loro, dei ragazzi che affrontano la notte con tanta (apparente?) disinvoltura e irragionevolezza, si sa poco.
Di loro si parla per sottrazione, poco o nulla si indaga su questa tendenza a ‘smarrirsi’.
Poco si sa dei loro sentimenti.
Quindi, oltre ai controlli, forse bisognerebbe parlare con loro, formare momenti di incontro e di reciproco ascolto fra residenti, esercenti e loro, le ragazze e i ragazzi che vivono in apnea e distanti da un mondo adulto che in fondo, è anche questo che ha lasciato in eredità.
E che forse potrebbe ripensarsi, assumendosi le proprie responsabilità e mettendo a disposizione il dialogo in famiglia, a scuola, nel mondo del lavoro, per capire se qualche alternativa alle notti brave, c’è, oppure no.

» leggi anche: “Droga nascosta sotto la mascherina per la movida veneziana di Santa Margherita

» leggi anche: “Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Possiamo ringraziare le “lenzuolate” di Bersani che col governo Prodi eliminò ogni limite al numero di licenze commerciali rilasciabili dai comuni. Adesso ci si lamenta se ci sono 50 bar a santa Margherita? Ma dov’era allora la consigliera Corso?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.