venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

Alessandro Mores, 48 anni, rifiuta le cure e muore. “Tanto guarisco lo stesso”

HomeIl decessoAlessandro Mores, 48 anni, rifiuta le cure e muore. "Tanto guarisco lo stesso"

Alessandro Mores, 48 anni, padre di tre figli, è morto nonostante i disperati appelli dei medici che insistevano affinché si lasciasse intubare.
L’uomo, come racconta l’Ansa, aveva contratto il virus una quindicina di giorni fa e martedì scorso era arrivato in condizioni disperate all’ospedale di Vicenza. Ma Alessandro Mores, 48 anni, padre di tre figli, ha rifiutato di farsi intubare nonostante i sanitari gli avessero detto che aveva poche possibilità di sopravvivere. E’ morto dopo poche ore dall’ingresso in ospedale. A nulla è valso il disperato appello del figlio maggiore in videochiamata ad accettare le cure. Ha prestato il suo consenso solo alla rianimazione ma ogni tentativo di far battere ancora il suo cuore è stato inutile.

LA VIDEOCHIAMATA DEL FIGLIO: “TI PREGO PAPA'”
La drammatica storia è raccontata in maniera dettagliata sulla Nuova oggi in edicola. L’esordio della malattia sarebbe comparso con febbre molto alta. Ciò nonostante il 48enne era convinto di potersi curare da solo e che sarebbe passata.
Il figlio ventunenne però, dopo alcuni giorni, prende l’iniziativa e chiama il 118 a causa delle difficoltà per respirare.
Alessandro Mores, originario di San Michele al Tagliamento, in provincia di Venezia, e residente a Vicenza viene così ricoverato all’Ospedale di Vicenza. Solo qualche ora dopo i medici riscontrano l’urgenza di intubare il paziente, procedura però che il paziente non consente.

Parte così una videochiamata alle undici di sera dall’ospedale: sono i medici che chiedono al figlio di convincere il 48enne ad accettare i trattamenti. Il figlio fa il possibile, fa appello agli affetti famigliari “Ti aspettiamo a casa”, all’amore genitoriale: “Ti prego, papà…” ma è tutto inutile. L’uomo, verosimilmente anche obnubilato da 10 giorni di malattia e febbre molto alta, ha continuato a ripetere: “Non ti preoccupare… ci sentiamo dopo…”.
Purtroppo, alle 3 di notte, è giunta l’ultima telefonata. Era l’ospedale che comunicava il decesso.
Ulteriore aspetto doloroso della vicenda, è il fatto per cui l’uomo non sarebbe stato un “no vax” in senso stretto. Più che la sfiducia nei vaccini, a provocare la morte del 48enne sarebbe stato un senso di prostrazione profonda provocato dalla pandemia che gli aveva già fatto perdere il lavoro.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Regione
Notizie dalla Regione. Per contattare la redazione scrivere a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

“Dall’anno scorso vivo a Marghera, tutti mi chiedono: com’è via da Venezia?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Buongiorno, Dall’anno scorso vivo a Marghera nella casa di Mia madre nel quartiere Cita. Tutti mi chiedono come mi sento dopo aver lasciato Venezia. Sto...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"