3.8 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Affitti turistici a Venezia, da oggi serve il codice della Regione

HomeVenezia e i turistiAffitti turistici a Venezia, da oggi serve il codice della Regione
la notizia dopo la pubblicità

Affitti turisti a Venezia, da oggi serve il codice della Regione

Affitti turistici a Venezia: la Regione del Veneto scende in campo per cercare di mettere ordine in un campo che nasconde spesso anarchia e illegalità.
Viene infatti oggi introdotto il “Codice Identificativo” dell’alloggio con approvazione all’unanimità.

“L’introduzione del codice identificativo contribuirà in modo significativo a contrastare più efficacemente il fenomeno dell’abusivismo, a colpire la concorrenza sleale, ma soprattutto, favorendo le necessarie attività di controllo, a garantire maggior trasparenza nel settore della ricettività turistica, a tutela innanzi tutto del consumatore. Obiettivo, quest’ultimo, irrinunciabile per la principale regione turistica d’Italia”.

Queste le parole dell’assessore al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner, che ha salutato con soddisfazione l’approvazione all’unanimità da parte dell’assemblea di palazzo Ferro Fini del disegno di legge che disciplina il settore degli alloggi in locazione turistica.

Ovviamente l’ottenimento del codice presuppone la soddisfazione dei requisiti che l’appartamento posto in affitto turistico dovrà avere secondo le norme vigenti. Inoltre, una volta fatta la ‘registrazione’ sarà più agevole controllarne le eventuali mancanze.

“Sia chiaro: non stiamo facendo la guerra ai proprietari e ai gestori di questo genere di strutture – ha sottolineato Caner –. Stiamo semplicemente e doverosamente disciplinando un’attività che ha avuto negli ultimi anni una crescita enorme, spesso incontrollata e disordinata, a danno dell’immagine del nostro sistema turistico. Non vogliamo in alcun modo penalizzare questa tipologia ricettiva, anzi vogliamo riconoscerla e valorizzarla, nella consapevolezza che più è ampia l’offerta di ospitalità, più competitivo è il settore. Ma proprio per questo è necessario contrastare ogni forma di irregolarità: la richiesta e la conseguente assegnazione del codice faciliterà esattamente questo contrasto e sarà un atto di giustizia nei confronti degli operatori che lavorano nel rispetto delle regole, di chi introita e versa correttamente la tassa di soggiorno e rispetta gli obblighi fiscali”.

Caner ha anche assicurato che la legge approvata oggi “non crea nuovi vincoli sul piano urbanistico, edilizio o igienico sanitario: rimangono esattamente le norme già esistenti, ma ora sarà più facile farle rispettare anche a chi cerca di sfuggirle”.

“Oggi abbiamo fatto un passo in avanti a difesa della qualità dell’offerta turistica veneta e del nostro mercato dell’ospitalità – ha concluso l’assessore –. Ringrazio, pertanto l’intera Commissione, a cominciare dal suo presidente Villanova e tutti i colleghi del Consiglio per il lavoro svolto”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

    • Buonasera Claudia, la notizia l’abbiamo data in tempo reale mentre avveniva. Riteniamo che tra qualche giorno la potrà trovare nell’albo ufficiale della Regione del Veneto.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.