COMMENTA QUESTO FATTO
 

Venezia, 4 appartamenti a Cannaregio scoperti in locazione turistica abusiva

Venezia e gli affitti turistici: un business che molti credono facile tanto da poterlo fare abusivamente. Specialmente nei giorni della Biennale.
Ed è così che il Nucleo di Polizia tributaria della Polizia locale del Centro Storico con il 1° Nucleo operativo metropolitano del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Venezia hanno scoperto altri quattro “operatori ricettivi” abusivi.

I controlli, coordinati dal responsabile del Servizio Polizia delle Attività produttive e dell’edilizia Venezia Centro Storico e isole, Flavio Gastaldi, e dal Comandante del 1° Nucleo Operativo Metropolitano Venezia della Guardia di Finanza, Mattia Altieri, sono partiti sulla base di alcuni esposti e segnalazioni.

Gli agenti hanno verificato i quattro immobili nel sestiere di Cannaregio poi risultati adibiti ad attività di alloggio turistico e di locazione turistica senza alcuna autorizzazione e classificazione.

Dei quattro appartamenti controllati, uno risulta addirittura destinato catastalmente ad uso ufficio.

I 12 turisti che vi alloggiavano, tutti sudamericani, sono stati sentiti e identificati. Gli immobili, di proprietà di alcuni veneziani, e da questi affittati ad un cittadino straniero, che li gestiva di persona, e tramite società a lui riconducibili, sono anche pubblicizzati su internet.

Mentre sono ancora in corso i controlli sulla posizione fiscale del gestore delle strutture abusive, anche per possibile utilizzo del lavoro nero, verranno comunque elevate contravvenzioni per almeno 14.000,00 euro ed inoltrata una denuncia penale per la mancata comunicazione dei nominativi dei turisti alloggiati all’Autorità di Pubblica sicurezza.

Saranno anche effettuate verifiche sulla conformità edilizia da parte del Nucleo edilizia Centro storico e isole e sull’agibilità degli immobili, nonché sull’omesso versamento dell’imposta di soggiorno.

Saranno anche verificate le conformità e le autorizzazioni agli scarichi in base alla legge 171/73.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here