martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

“Adua Del Vesco”? Nel 2005 la interpretava Nancy Brilli (e “amava” Gabriel Garko)

HomeGrande Fratello"Adua Del Vesco"? Nel 2005 la interpretava Nancy Brilli (e "amava" Gabriel Garko)

Nancy Brilli

Continuano le rivelazioni sulla Ares, l’agenzia responsabile delle fiction Mediaset con Gabriel Garko, Eva Grimaldi, Nancy Brilli e Giuliana De Sio, Sabrina Ferilli e Manuela Arcuri.

Quando si parla di “Adua Del Vesco” tutti pensano all’attrice siciliana del Grande Fratello VIP, ma in pochi ricordano che un personaggio con lo stesso nome era già apparso nel 2005 nella miniserie “I colori della vita”. E anche la prima “Adua Del Vesco”, interpretata da Nancy Brilli, aveva una “storia” con Gabriel Garko.

La fiction parlava dell’amicizia tra due donne: Adua (Nancy Brilli), aspirante attrice e Giulia (Alessandra Martines), brillante pianista. Il rapporto andò però in crisi per colpa di un affascinante uomo d’affari (Gabriel Garko).

Lo sceneggiatore della fiction era Teodosio Losito, lo stesso che nel 2012 ha scoperto e lanciato nel panorama tv Rosalinda Cannavò, la “nuova” Adua Del Vesco, affibbiandole un nome d’arte già usato e collaudato.

Si può quindi affermare che l’attore abbia dovuto “amare” due diverse Adue Del Vesco: una sul set, una nella vita reale.

Sull’argomento è tornata anche la concorrente siciliana del GF VIP, che durante un confessionale ha rivelato: “Fingere h24 è stata dura, noi lo abbiamo fatto per un po’ di tempo e posso garantire che non è una cosa semplice. Ora gli auguro tanta serenità, se la merita. Ciò che ha fatto mi riempie il cuore, perché significa che si fida e mi considera una persona importante. Perché è venuto qui? Non mi ha visto serena e forse ha sentito il bisogno di liberarmi”. La “Del Vesco” ha poi concluso: “È un peso che porto forse da troppo tempo e che anche lui ha portato per molto tempo. È stata una lezione di vita grandissima, gliene sarò per sempre grata. Sono felice che lui sia finalmente libero”.

E alla vicenda si aggiungono nuovi clamorosi dettagli: neppure Massimiliano Morra, entrato nella Casa come “ex fidanzato della Del Vesco” avrebbe mai avuto una relazione con lei! Secondo quanto dichiarato dall’attrice, il suo “nuovo” compagno Julian Condor sarebbe in realtà a suo fianco già dal 2013.
E quando Morra e Francesco Testi si picchiarono per lei? Tutto finto, come quest’ultimo ha svelato a TPI: “Negli anni in cui io sono stato alla Ares è stato chiesto di inscenare solo una cosa, e cioè la finta scazzottata con Morra per gelosia, cosa di cui mi vergognavo pure”.

A Pomeriggio 5, poi, ecco l’ennesima “bomba”: secondo Lory Del Santo anche Dalida Mucedero (con la quale Morra starebbe insieme dal 2018) sarebbe per lui una “fidanzata mediatica”. Ecco le parole della soubrette: “Secondo me fingono. Lei è spuntata all’improvviso dieci giorni prima che andasse al Grande Fratello. Secondo me lei stava recitando ed è un’attrice. Tu non devi dire sempre ‘lui è il mio fidanzato, il mio fidanzato’, l’ha detto quattro volte. Se è il tuo fidanzato tu lo chiami per nome Massimiliano, non ripeti sempre che è il tuo fidanzato”.

Il dubbio che pervade gli spettatori è di aver creduto per anni a storie d’amore tra i VIP molto spesso inventate. Proprio come nelle fiction.

Marie Jolie

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...