lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

Mare mosso e bandiera rossa: addetti al salvataggio di Jesolo molto impegnati

HomeSpiaggeMare mosso e bandiera rossa: addetti al salvataggio di Jesolo molto impegnati

Mare mosso e bandiera rossa oggi nelle nostre spiagge con una giornata di forte vento, per questo gli addetti al salvataggio di Jesolo sono stati molto impegnati.
Alle 11, all’altezza della torretta 23 (tra le piazze Milano e Torino), una 35enne italiana si è trovata in difficoltà tra le onde.
La donna si è aggrappata alla base del pontile ed ha cominciato a chiamare aiuto.
Appena udite le invocazioni sono prontamente intervenuti i bagnini della Jesolo Turismo, che l’hanno tratta in salvo.
La donna aveva ingurgitato un po’ d’acqua ed aveva alcune escoriazioni dovute alle forti onde che la spingevano contro il pontile ma esse sono state medicate dal punto di primo intervento della spiaggia quindi è stata definita in buone condizioni alla fine della disavventura.

 

 

Alle 11.55, invece, alla torretta 15, zona piazzetta Stej, due ragazzine di 13 e 15 anni, italiane, si sono trovate in difficoltà, tra le onde, a circa cento metri dalla riva.
Gli addetti al salvataggio si sono subito precipitati rispettivamente con la moto d’acqua ed a nuoto.
Recuperate, le due ragazze sono state portate in salvo.
Anche loro in perfette condizioni dato che non hanno riportato alcuna ferita.

 

 

Infine, verso le 14.45, alla torretta 12, ovvero tra le piazze Casabianca e Mazzini, un uomo di 60 anni, tedesco, è stato visto sparire sotto il pontile a causa del mare grosso.
Dato l’allarme, in bagnini sono accorsi e, dopo vari tentativi, sono riusciti a trascinarlo fino a riva.
L’uomo salvato stava bene, tranne che per un graffio.
Ringraziamenti e complimenti collettivi nei confronti degli addetti al salvataggio presenti e attenti soprattutto nelle giornate impegnative come quella di oggi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...