lunedì 17 Gennaio 2022
2.6 C
Venezia

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Homemotoscafi e vaporettiA Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l'intesa ancora non c'è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate in barba alle norme e al distanziamento raccomandato, soprattutto in queste giornate, che segnalano un rischio pandemico rinnovato che non ha impedito di registrare un Ferragosto che ha accolto oltre 110 mila persone.
Puntuale e minaccioso si ripresenta il problema dei trasporti trascinato nel bel mezzo delle esigenze di cavalcare la ripresa economica, di strappare con le unghie e con i denti quel pezzo di ‘normalità’ tanto agognato, come una vacanza nella città lagunare, di affidare all’oblio i rischi del coronavirus, che pur contrastato dalla grande campagna vaccinale, presenta ancora segnali e avvertimenti che non si possono ignorare.
Ognuno viaggia nei mezzi di trasporto pubblico come può, e con l’esclusivo obiettivo da raggiungere.
C’è chi va al mare con la famiglia, chi vuole visitare piazza San Marco, i musei: tutti stipati dentro un vaporetto con la propria esclusiva esigenza da soddisfare.
I veneziani che abitano nelle isole, i pendolari, sono i più penalizzati e vivono con affanno e preoccupazione il rapido crescendo delle presenze in città, degli stranieri, soprattutto tedeschi, francesi, spagnoli e americani intenzionati a riscoprire il sogno della città d’acqua e di pietra.

Come evitare che questa situazione di crisi del trasporto pubblico non peggiori e come restituire un equilibrio, un respiro, una responsabilità nei confronti di un’utenza che non regge questo permanente malessere?
Il personale di bordo è stremato e spesso nei pontili e nei mezzi si consumano accesi litigi, frutto dell’esasperazione e della stanchezza.
L’intesa tra lavoratori Actv e Gruppo Avm è saltata.
Restano i nodi del trasporto pubblico veneziano, con i disagi registrati nelle ultime settimane a causa di mezzi sovraffollati e del ritorno in massa del turismo.
916 No sull’accordo della chiusura della vertenza iniziata a fine gennaio.
Dopo due giorni di votazioni, il no ha prevalso sul sì al referendum indetto dalle organizzazioni sindacali: 916 i voti contrari a fronte di 722 voti favorevoli (in totale 1650 i voti, due schede nulle e 10 bianche).
E ora?
“Ora si rischia il caos”, ha commentato Danilo Scattolin di Sgb, sindacato che si è opposto al referendum, ribadendo che “i lavoratori chiedono a viva voce il ritiro della disdetta degli accordi di secondo livello che da ottobre prevede ripercussioni sia sullo stipendio, sia sull’organizzazione dei turni”.

I lavoratori lamentano il silenzio dell’Azienda e la prospettiva di un accordo si fa più lontana mentre si rinnova la necessità di una ritrovata coesione tra tutte le sigle sindacali impegnate allo stremo in questo braccio di ferro interminabile che ferisce la città.

Francesco Sambo, segretario della Uiltrasporti ammette che alcune risposte importanti la bozza di accordo le dava.
E che “ Le ultime correzioni al testo avevano portato azienda e sindacati a stabilire il turnover, nuove assunzioni a partire da gennaio 2022 per sostituire i lavoratori in pensione, la possibilità di fare ricorso agli stagionali, mentre sul piano della turnistica si sarebbe recuperato un riposo al mese”.

«Auspichiamo una riconvocazione da parte di Actv per non lasciar cadere i risultati della trattativa — scrivono le Rsu — Avvieremo al più presto un confronto con i lavoratori nell’ottica di dare ulteriori risposte ai dipendenti e al servizio».

Andreina Corso

Vedi anche:

“Assalto di turisti e trasporti al collasso: la Venezia che vogliono” la critica di “Tutta la Città Insieme!”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

5 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Buon giorno a tutti, mi sento di dire come lavoratore e cittadino di Venezia , che è vergognoso che le biglietterie siano chiuse nel pomeriggio o con personale ridotto in questo momento del turismo che è ritornato a Venezia.
    Altra questione i mezzi di Alilaguna che fanno servizio per Actv in linea 6 non vendono i biglietti di linea Actv e sono mezzi assolutamente inidonei ad effettuare un servizio in laguna, vedi mancanza del barcarizzo e pedana di salita e discesa molto pericolosa….

  2. Concordo: la speculazione sul Trasporto Pubblico locale è completamente slegata dalla vertenza sindacale in quanto L’attacco alla città ha due facce : la prima sui servizi da subappaltare agli amici, la seconda al costo del lavoro in puro stile “Brugnaresco”… i filoni da indagare sono molteplici per i giornalisti d’inchiesta. Vaporetti e motoscafi fermi in cantiere, seppur funzionanti, per far apparire che il servizio pubblico è inefficente… La linea 2 che non esiste ma esiste una linea 2 con enormi mezzi privati alilaguna che scorazzano per il Canal Grande… Pare quasi quasi che vi sia un vero disegno criminale per affossare Actv e privatizzare anche il trasporto oggi definito pubblico. Forza. Dateci dentro con le indagini. Aiutateci a smascherare gli speculatori. Grazie.

  3. Non so di chi sia la colpa, so di certo che, in un momento come questo, non dovrebbe esserci un pontile per due linee, vaporetti che saltano corse ammassando le persone in lunghe code che riempirebbero 3 vaporetti.

    • … È fondamentale infatti identificare con precisione di chi siano le responsabilità di questo sfacelo. Le proteste virtuali non hanno nessuna efficacia e i lavoratori in front line sono le persone più sbagliate da attaccare. Due sono i luoghi da dove scaturisce tutto ciò : Cà Farsetti e il Tronchetto. Conforta molto che sul territorio comincia a materializzarsi la partecipazione di comitati cittadini consapevoli. Serve partecipazione e informazione.

  4. …. Ma non avete ancora capito che la speculazione sul Trasporto Pubblico locale è completamente slegata dalla vertenza sindacale??… L’attacco alla città ha due facce : la prima sui servizi da subappaltare agli amici, la seconda al costo del lavoro in puro stile “Brugnaresco”… La vertenza “irricevibile” è stata costruita ad hoc per affibiare la responsabilità di questo abominio ai lavoratori. La scelta dei servizi da impiegare fa capo alla proprietà (Comune di Venezia), e al Management Actv che la gestisce….. molto ma molto male….. Aprite gli occhi!!!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...