8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Zaia: “Situazione ospedaliera complicata dai picchi influenzali, che l’anno scorso non c’erano”

Homesituazione ospedalieraZaia: "Situazione ospedaliera complicata dai picchi influenzali, che l'anno scorso non c'erano"
la notizia dopo la pubblicità

“Il sistema sanitario veneto per ora tiene, ma da qua ad un mese può succedere di tutto”.
Non lasciano spazio a dubbi le parole del presidente Luca Zaia sulla base dei dati nelle ultime 24 ore relativi al Covid che hanno portato “le terapie intensive in fase 2 avendo superato i 50 ricoverati (62 per l’esattezza ndr) in tutte le Usl della regione, tranne quella di Belluno.
Se continua questo trend – avverte – Zaia – non è escluso che si arrivi a 100 nei prossimi 15 giorni. Oggi l’infezione interessa in percentuale più i non vaccinati”.
Al di là delle criticità Zaia si augura che “il Natale sia Natale”, ma questo dipemderà dai numeri dei prossimi giorni.

Per ora, comunque: “L’impatto ospedaliero è contenuto. Ad oggi è così” ribadisce Zaia, il quale non nasconde una certa preoccupazione per il fatto “che i nosocomi sono presi d’assalto da chi ha patologie respiratorie, che oggi pesano sulla sanità.
C’è una congiuntura astrale – conclude – che non c’era nella stagione invernale 2020-2021 e che ora si fa sentire, quella dei picchi influenzali”.

Il presidente ha anche ribadito il ragionamento fatto nella Conferenza Stato-Regioni, che “è stato quello di evitare di chiudere, di fare lockdown. Non ci sono tante vie d’uscita.”
La classificazione per zone, peraltro è “un modello che è stato vincente. Qualche sassolino – ha aggiunto – ora me lo voglio togliere: ve li ricordate i ”tromboni” che dicevano quanto bravi erano i tedeschi nella prima fase. La Germania ha fatto scelte sanitarie che l’Italia non ha fatto e ora qual è il risultato?. Il paese teutonico ha fatto 4-5 riprese di lockdown , in Inghilterra idem”.

“Il modello di scelte in base ai colori comunque ci ha permesso di accompagnare il percorso evitando il lockdown , tranne quello fatto dall’8 marzo all’8 maggio 2020”.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...