Zaia: “Obbligo di mascherine per strada anche dopo il 4 maggio”

ultimo aggiornamento: 22/04/2020 ore 16:24

1110

Zaia: "Obbligo di mascherine per strada anche dopo il 4 maggio"

“Domani ci sarà una riunione con i presidenti delle Regioni per fare il punto prima del confronto finale col premier Conte”. Lo ha annunciato il presidente del Veneto, Luca Zaia, evidenziando che l’appuntamento vedrà il presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, raccogliere le istanze delle varie realtà regionali in previsione della seconda Fase prevista dal 4 maggio.

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha anche confermato che non pensa a deroghe nell’uso obbligatorio della mascherina, anche dopo il 4 maggio.


Dovrà essere utilizzata “anche in strada – spiega – E’ una conditio sine qua non. Per non prendere il Coronavirus è necessario usare la mascherina. Ritengo, tra l’altro, assurdo che ci sia qualcuno che controlli se la si usa. E’ come andare in moto senza casco. Buona norma è di fare questo sacrificio finché si stabilirà che non sarà più necessario”.

Per quanto riguarda la ripresa delle attività turistiche, invece: “Il Governo vuol stilare le procedure da rispettare per il turismo a livello nazionale: vorrei discuterne”. Il presidente del Veneto si dice perplesso in merito ad alcune indiscrezioni che ipotizzano “di misurare la temperatura ai bagnanti: ma se fuori in spiaggia ci sono 38 gradi…. O anche – osserva – l’indicazione di lavarsi con sapone quando si esce dal mare: se sono queste le norme, mi preoccupano”. Zaia ha detto di attendere la sintesi da parte dei direttori generali delle Ulss dopo il loro incontro con gli operatori dei vari territori, per poter approntare un piano di idee per il comparto del turismo.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here