mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Zaia: «Il Veneto non è un lazzaretto». Il dilemma della carica virale degli asintomatici

HomeCoronavirusZaia: «Il Veneto non è un lazzaretto». Il dilemma della carica virale degli asintomatici

Non ci sta il governatore del Veneto Luca Zaia a ragionare solo in termini di contagi. «Più tamponi fai, più positivi intercetti e in questo la Regione è sempre stata virtuosa», spiega da Marghera aggiornando i dati sul Coronavirus in Veneto. Dal 18 maggio (data delle riaperture) a oggi si contano 2306 positivi in più, il che significa in  media 22 al giorno. Gli isolati attualmente sono 6394 e di questi 1634 sono positivi, cioè il 25,5%. Fra i contagiati i sintomatici sono 65: una percentuale «irrisoria», nota il presidente. Il vero dilemma restano gli asintomatici, e in questo la comunità scientifica «dovrebbe cercare di fare sintesi all’interno del dibattito, per capire qual è la probabilità del contagio», sapendo che, spiega Zaia, i virus per loro natura hanno un cambiamento repentino e che «abbiamo in questo momento casi di conviventi in cui uno è positivo e gli altri non vengono infettati. Ciò significa che la carica virologica è diversa», per Zaia.

Tamponi e asintomatici

Un milione e 380 mila tamponi fatti ad oggi nella nostra Regione. Un milione e 200 mila i test rapidi, cui si aggiungono i tamponi messi a disposizione liberamente negli ambulatori e aeroporti per i vacanzieri, nel fine settimana appena passato: «anche in questo siamo stati i primi», dice il presidente e continua: «stiamo facendo sequenziare tutti i tamponi all’istituto zooprofilattico per capire l’asintomaticità caricaturale bassa, anche quelli rapidi a florescenza che intercettano l’antigene: gli esperti eseguono fino a 38 amplificazioni in modo da trovare anche le tracce del Covid. Chiaro –  spiega Zaia – che quanti minori sono gli ingrandimenti da fare per trovare il virus, tanto più forte è la carica virale», come se fosse più presente, e questo spiegherebbe perché l’asintomaticità cambia.

Il futuro degli screening con i test rapidi

«Fra i vacanzieri sono state trovate poche decine di infetti sui 13.800 tamponi – dice il presidente della Regione – Abbiamo aperto la strada agli accessi diretti: funziona dovremmo renderli ancora più capillari nel territorio. Continueremo a testare, sono sicuro che in previsione dell’autunno la macchina del testing funzionerà con il tampone rapido, tra l’altro entrato in una ordinanza del ministro della Salute, e che sentiremo tra qualche settimana parlare di saliva non più di tampone rapido. Nel fine settimana di ferragosto abbiamo comunque utilizzato i tamponi classici (con isolamento in attesa di esito)».

Vacanzieri

Nessuna modifica all’ordinanza regionale della scorsa settimana, con l’obbligo del tampone per categorie a rischio particolare, al rientro o in ingresso in Italia. «Stiamo però ragionando diversamente sui vacanzieri che molto di frequente, magari perché hanno la seconda casa, raggiungono la Croazia o altre destinazioni. Bisognerà studiare un sistema diverso per evitare di fare uno o due tamponi alla settimana. In questo caso abbiamo già in memoria i nomi di quanti si sono sottoposti a tampone una prima volta», afferma il governatore.

Discoteche e mascherine: il ministero

«Il decreto del ministro Speranza dice nessun ballo e discoteche chiuse. In caso di festa di matrimonio si può comunque mangiare seduti al tavolo con la musica – specifica Zaia – . Comprendo la difficoltà delle discoteche. Nessuno pensi di essersi messo la coscienza a posto chiudendole, magari per qualche retaggio culturale contro questi locali dai quali uscirei – dice – È innegabile che una condizione di assembramento si crei con più velocità nelle discoteche, ma chiuderle non significa risolvere il problema. Non farò – afferma il governatore – provvedimenti più restrittivi, ma quanto meno abbiamo chiesto siano restaurate economicamente le attività in questione perché regioni come Veneto ed Emilia Romagna di Stefano Bonaccini, dove le spiagge registrano 32 milioni di presenze turistiche solo sotto l’ombrellone, i numeri restano possibili grazie alla presenza di questi servizi di aggregazione notturna. Per questo il danno, per i locali che attraggono la presenza giovanile, è enorme».

Antonella Gasparini

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".