Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
15.4C
Venezia
sabato 27 Febbraio 2021
HomeZaiaZaia furioso per il fermo piste da sci. Vaccini: «Non siamo immorali, cerchiamo canali nuovi». Scuole al 50% fino al 5 marzo

Zaia furioso per il fermo piste da sci. Vaccini: «Non siamo immorali, cerchiamo canali nuovi». Scuole al 50% fino al 5 marzo

Sotto quota 100 i ricoverati nelle terapie intensive in Veneto, continua il trend in discesa degli ospedalizzati. La vicenda sci fa infuriare il governatore regionale Luca Zaia. «Chiudere gli impianti 4 ore prima: imbarazzante. Avevo giusto fatto un’ordinanza per partire il 17 in modo da saltare il Carnevale, in accordo con gli operatori e per senso di responsabilità. Si poteva fare giorni prima. Non si può continuare ad assistere a dibattiti a latere su provvedimenti che hanno valore di legge, come nel caso delle ordinanze. E adesso tutti parlano di varianti, quando siamo stati i primi a decidere per i sequenziamenti per l’individuazione di ceppi diversi del Covid. E mi chiedo, chi ha deciso questi provvedimenti, ha informazioni che noi non abbiamo?».

Le varianti del virus

Ragionando in termini strategici, «la variante inglese l’avevamo il 24 dicembre e ci hanno detto che esaltavamo troppo questa vicenda del ceppo inglese – continua Zaia – Penso agli alberghi, ai ristoranti che hanno acquistato le derrate, ai turisti già arrivati che faranno le valigie per andare via. Allora dico, i ristori non bastano, dovranno riconoscere i danni. La salute viene prima di tutto. Ma una cosa decisa 4 ore prima non mi sembra sia giustificabile. Sono preoccupato, molte di queste aziende non riapriranno più. Parlo anche degli stagionali, degli studenti, che fanno i camerieri, le pulizie nelle camere degli alberghi, c’è un indotto che coinvolge famiglie e c’è un obbligo morale di riconoscere queste realtà. Questo è un pessimo incidente di percorso. Ci vuole una voce unica». Avanti fino al 5 marzo in Veneto con il 50% della didattica in presenza per le scuole superiori: altre 3 settimane.

Vaccini, Zaia: «Non stiamo trattando con le aziende produttrici»

I contratti proposti dai canali alternativi sono arrivati. Zaia afferma che le offerte sono giunte dall’esterno, non direttamente dalle compagnie, e che il Veneto aveva già scritto ad Aifa per proseguire con le trattative e le verifiche delle offerte, ma la regione dovrà collegarsi con la struttura commissariale del governo. Le industrie che hanno contrattato con Ue per un certo numero di dosi, non possono intaccare quegli accordi. Ma se le industrie hanno prodotto di più e sono in grado di fornirne, non è escluso cerchino acquirenti, per questo sono arrivate le offerte. Allo stato attuale ci sono due offerte per il Veneto: una per 12 milioni di dosi e un’altra per 15 milioni, che andrebbero caricate in azienda direttamente. Per il Veneto il prezzo è in linea con quelli pagati finora. «Volete metterci in croce?», chiede Zaia.

AstraZeneca e Pfizer non starebbero negoziando in parallelo. Ma il mondo è più grande dell’Europa e tutti, tanti comprano vaccini. Ci sono anche intermediari che hanno acquistato e ora offrono. «Non stiamo trattando con le aziende produttrici – ribadisce il presidente Zaia – Un’azienda produce e poi prende contatti con l’Europa e poi con Stati Uniti, Israele, Asia. Sarà possibile che uno di questi clienti si sia approvvigionato e ora metta i vaccini sul mercato? Non siamo immorali, in piena crisi a marzo siamo riusciti a comprare i respiratori di cui avevamo bisogno e se non li avessimo comprati noi li avrebbe comprati qualcun altro».

«La mia speranza – aggiunge Zaia – è quella di aver trovato un canale nuovo, al di là di quello che serva al Veneto. Se compro una partita da 12 milioni di dosi, non ce ne facciamo nulla, in Veneto siamo in 5 milioni». Non sarebbe escluso possano essere distribuiti. Per la Regione si tratterebbe di uno sforzo di collaborazione e condivisione con altri territori.

Le trattative per comprare

Il dottor Luciano Flor, direttore della sanità veneta, che ha seguito la partita dell’acquisto dei vaccini in Regione, ricorda che il problema è nato dal non avere dosi disponibili e aver ricevuto delle proposte di fornitura agli inizi di febbraio. «Abbiamo chiesto ad Aifa (Agenzia italiana del farmaco) se potevamo negoziare. Per le ipotesi più verificabili siamo andati a capire la marca, i tempi e i costi. Non abbiamo fatto altro. Due di questi interlocutori sono gli stessi da cui abbiamo acquistato dispositivi e materiale in precedenza. Oggi abbiamo Aifa che riconosce la carenza di vaccino ma stante la normativa intervenuta a livello europeo e nazionale, l’autorizzazione a negoziare va indirizzata alla struttura commissariale del governo. Sono arrivate 2 proposte: una con 12 e l’altra con 15 milioni di vaccini disponibili. Ma noi non possiamo andare avanti a trattare. Informeremo il commissario su ciò che abbiamo trovato e non abbiamo tenuto nascosto nulla. Siamo a disposizione di chi ci vorrà chiedere qualcosa, rispettando la riservatezza garantita». La Regione scriverà alla struttura commissariale del governo per fornire informazioni. In Veneto per Flor mancano almeno 400 mila dosi di vaccino per concludere la prima fase.

Antonella Gasparini

 

 

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Precipita nel vuoto per 40 metri. Morto Lorenzo Gatti, 29 anni

Precipita nel vuoto per circa 40 metri. Una caduta fatale per Lorenzo Gatti, l'alpinista di 29 anni morto nella tarda mattinata di oggi mentre...
spot

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.