4.4 C
Venezia
giovedì 28 Gennaio 2021

World Water Day, dagli esperti consigli sull’acqua (per bambini e non)

Home società World Water Day, dagli esperti consigli sull'acqua (per bambini e non)
sponsor

World Water Day, dagli esperti consigli sull'acqua (per bambini e non)

sponsor

World Water Day, dagli esperti consigli su come risparmiare l’acqua e su come essere perfettamente idratati (per bambini e non). Dal chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti al far vedere loro dei cartoni animati: sono diversi gli accorgimenti, ad esempio, da poter insegnare ai più piccoli su come risparmiare l’ “oro blu” e seguire una corretta idratazione.

commercial

Far capire che l’acqua è un bene prezioso da rispettare e utilizzare con parsimonia (25%), che la si può risparmiare seguendo semplici accorgimenti (23%), ma anche quanto sia importante bere tanto (28%).

Sono queste, secondo gli esperti, alcune delle motivazioni per cui i genitori devono educare e sensibilizzare i bambini in merito alla gestione responsabile dell’acqua e ad una corretta idratazione. E quale migliore occasione se non il World Water Day del 22 marzo, istituito dall’ONU nel 1992 con un discorso dell’attivista ambientale, allora bambina, Severn Cullis Suzuki? Lei, fra l’altro, non è l’unica giovane ad avere a cuore il futuro nel nostro Pianeta: recentemente, anche la svedese Greta Thunberg si è dimostrata sensibile a queste tematiche promuovendo una “marcia europea” di tutti i ragazzi per le condizioni climatiche della Terra.

E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle (www.inabottle.it) condotto su circa 50 esperti tra pedagogisti, nutrizionisti e docenti in scienze ambientali per sondare quali siano le pratiche da adottare per una corretta idratazione e come risparmiare l’acqua.

Prima ancora dei bambini sono però gli adulti a dovere imparare a non disperdere le risorse del Pianeta. Qual è il settore in cui si verifica il maggiore spreco? Quasi un esperto su due (48%) ritiene che sia quello idrico, mentre il 41% sostiene che si tratti di quello alimentare. Quasi 4 intervistati su 10 (38%), infine, fanno riferimento a quello energetico, con particolare attenzione a luce (21%) e gas (17%).

Per quanto riguarda l’acqua, in quali circostanze viene sprecata maggiormente dai bambini? Quasi 4 esperti su 10 (36%) sostengono che sia mentre lavano i denti, mentre il 28% dice quello delle mani. Poco più di 3 intervistati su 10 (32%) ritiene che viene sprecata per l’igiene personale poiché “i bambini preferiscono farsi il bagno piuttosto che la doccia”. Solo il 4%, infine, reputa che abbiano influenza anche i giochi estivi, per esempio quelli con le pistole ad acqua.

“Ciò che può essere davvero utile – dichiara Vito Felice Uricchio, direttore dell’Istituto di Ricerca sulle Acque – per sensibilizzare i bambini nei confronti della tutela di tale risorsa sono delle lezioni ed attività ludico-didattiche che coinvolgano gli studenti delle scuole. Insegnare ai giovani a rispettare l’acqua, a risparmiarla e ad averne cura è il primo passo verso un futuro migliore. I maggiori sprechi, inoltre, si riferiscono all’acqua impiegata dallo scarico del proprio WC: per ogni utilizzo, in media, se ne consumano 10 litri. Al secondo posto, invece, si posiziona l’acqua utilizzata per le attività di igiene personale: ecco perché consiglio di far scorrere solo quella che serve, privilegiando l’uso della doccia. Il mio consiglio, infine, è educare i bambini con metodologie comunicative che consentano di incidere efficacemente nei processi di istruzione e di apprendimento”.

Come lo si può spiegare, quindi, in maniera coinvolgente e divertente, ai bambini? Un esperto su 2 (51%) punta sulla “via” più semplice, ovvero quella di insegnare facendoli giocare. Poco più di 3 su 10 (34%), invece, sostiene che l’ideale sia far vedere loro dei cartoni animati che trattino il tema, mentre il 15%, infine, suggerisce di leggere (o inventarsi) una favola sull’importanza dell’acqua come risorsa per il nostro Pianeta.

“Il principale strumento che gli adulti hanno a disposizione – dichiara Mattia Lamberti, Pedagogista, Consulente familiare e scolastico – è dare l’esempio, facendo vedere ai bambini quanto sia importante risparmiare l’acqua. I ‘luoghi sensibili’ rispetto allo spreco, bagno e cucina, possono essere utilizzati per appendere dei cartelli, da realizzare insieme, che ricordino alcuni semplici ma preziosi consigli. ‘Se stai insaponando le mani, chiudi il rubinetto’, ‘Non buttare l’acqua di cottura’, ‘Se spazzoli i denti, chiudi il rubinetto’, ‘Viva la doccia, abbasso il bagno’: possono essere disegnati ed appesi in casa. E’ importante, inoltre, che anche gli adulti si facciano ingaggiare dalle regole, che non sono una ‘costrizione’ per i piccoli, ma un’occasione per tutti di prendersi cura del Pianeta. Per quando riguarda la corretta idratazione, invece, possiamo assegnare ai bambini una borraccia o un bicchiere personalizzato e lasciare sempre a disposizione, a casa e nei luoghi del gioco, caraffe o bottiglie di acqua. E’ opportuno, inoltre, inserire nei giochi dei turni di bevuta: se sono i grandi a bere per primi, anche i piccoli non se dimenticheranno. Premiare, simbolicamente o con dei complimenti, i piccoli quando avranno terminato il loro bicchiere, offrendo da bere anche prima che siano loro a chiederlo, ricordando di non esagerare con l’insistenza per non rischiare l’effetto opposto”.

Se secondo gli esperti è importante, in che modo è possibile sensibilizzare i bambini su queste tematiche? 4 intervistati su 10 (46%) puntano sul fatto che “sono il nostro futuro” e quindi devono essere educati sin da piccoli. Il 23%, invece, sostiene che debbano crescere in un mondo migliore seguendo delle pratiche di risparmio che possono essere adottate senza particolari difficoltà. Il 25%, infine, lo ritiene “fondamentale per far loro capire che l’acqua è un bene prezioso, da rispettare ed utilizzare con parsimonia”.

Un ottimo spunto, sotto questo punto di vista, è dato dal libro “Chiudiamo il rubinetto”, scritto da Jean-René Gombert ed illustrato da Joelle Dreidemy. Facente parte della collana “I piedi sulla Terra”, è stato pensato per sensibilizzare i più piccoli sul tema ecologico. Kiko l’alce è il protagonista della storia che insegna, tramite piccoli gesti quotidiani, tutti gli accorgimenti da adottare per evitare gli sprechi di acqua e di energia, proteggendo la Natura.

Anche il mondo dei cartoni animati viene in soccorso, con una serie di episodi, reperibili su YouTube ma anche su Netflix, del “supereroe” Pocoyo. In uno di questi, per esempio, si vede il protagonista bere dell’acqua e, vedendo un amico accaldato, gliene offre subito un bicchier, per la felicità di entrambi.

Oltre ad una corretta sensibilizzazione sul risparmio, perché è importante anche educare i bambini sull’idratazione del proprio corpo? Più di 4 esperti su 10 (44%) puntano sul fatto che i bambini siano meno tolleranti al calore ed abbiano più possibilità di essere disidratati rispetto agli adulti. Il 28% dei soggetti intervistati, invece, sostiene che bere tanto aiuti i bambini nel tenere un tasso di concentrazione alto fra i banchi di scuola: basti pensare, infatti, che una riduzione di acqua nell’organismo tra l’1% ed il 2% fa calare l’attenzione del 10%. Il 12%, infine, consiglia i genitori di incentivare i figli nel bere poiché, essendo piccoli, non si rendono conto che si debba bere ad intervalli regolari durante il giorno.

Come abituare i bambini a bere regolarmente? Tre esperti su 10 (31%) consigliano di somministrare l’acqua, per i più piccoli, tramite biberon o tettarelle. Per i più grandi, invece, il 27% degli intervistati suggerisce bicchieri colorati, bottiglie oppure contenitori termici per inverno ed estate. Il 24%, infine, propone ai genitori di prestare attenzione durante i pasti dei loro figli, per far sì che assumano la giusta quantità di acqua.

La quantità di fluidi che un bambino dovrebbe assumere durante il giorno, come si evince da un articolo pubblicato dalla British Nutrition Foundation, dipende da diversi fattori, come per esempio l’età, il sesso, le condizioni climatiche e quanta attività fisica viene svolta. L’European Food Safety Authority (EFSA), comunque, consiglia una “dose” giornaliera che va dai sei agli otto bicchieri. I bambini, inoltre, sono meno tolleranti al calore rispetto agli adulti e potrebbero avere, quindi, più possibilità di incorrere nella disidratazione, specialmente quando fanno del movimento e la temperatura all’esterno è parecchio elevata. Bere durante il giorno, infine, è consigliato anche perché idrata il corpo umano senza fornire ulteriori calorie.

IL DECALOGO SULL’ACQUA PER I BAMBINI:

1) Chiudere il rubinetto. Insegnare ai più piccoli a non utilizzare l’acqua inutilmente quando ci si lavano i denti, le mani o durante l’ igiene personale. Per spronarli, si può dir loro, per esempio, che quella che non utilizzano può essere impiegata da altri bambini;

2) Occhio alla goccia. Coinvolgere il bambino, una volta al giorno, chiedendo di verificare che i rubinetti di casa non siano aperti o sgocciolino;

3) La “seconda vita” dell’acqua. Insegnare a riutilizzarla per altri scopi, ad esempio quella che viene impiegata in cucina per lavare frutta e verdure può essere utilizzata nuovamente per annaffiare le piante di casa;

4) Adotta una piantina. Prendersi cura di una delle piante di casa, dandole da bere la giusta quantità di acqua, serve per far capire ai bambini che anche i fiori hanno bisogno di essere idratati ogni giorno, così come l’essere umano;

5) Usare la fantasia. Per incentivare a far bere il proprio bambino fare ricorso alla creatività: servire l’acqua in un bicchiere colorato. Un’altra idea potrebbe essere “dare un tocco di colore” all’acqua attraverso qualche estratto di verdura: arancione per le carote, verde per gli spinaci;

6) Doccia batte bagno. Far fare ai bambini sempre la doccia, tenendo presente che, in media, si utilizzano 20 litri di acqua contro i 150 del bagno. Portare con sé giochi come animaletti , macchinine e barchette con le quali inventarsi storie fantasiose da far vivere in contesti magici.

7) Chiedere “aiuto” alla tecnologia. In un mondo dove ci sono sempre più bambini “tecnologici” è opportuno sapere che esistono delle App che dicono quando è arrivato il momento, durante la giornata, di concedersi un bicchiere di acqua;

8) Cartoni animati come esempio. Vedere insieme ai bambini dei cartoni in cui i protagonisti abbiano a che fare con il mondo dell’acqua: in questo modo ci sono più possibilità che vengano presi a modello;

9) La favola della buonanotte. Prima di dar loro il bacio della buonanotte leggere o inventare una storia che abbia a che fare con queste tematiche;

10) Rispetto. Insegnare ai bambini che l’acqua è un bene prezioso, che deve essere preservato e rispettato.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
commercial

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...
sponsor

Andamento pandemia: casi in crescita oggi del 50%

Andamento pandemia in piena fase altalenante. Dopo un trend che tutti avevano definito 'di regressione' tornano ad aumentare i numeri oggi. Sono 15.204 i test...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...

All’esame di guida con l’equipaggiamento da spia: due suggeritori fuori davano risposte

A quanto pare in questo periodo gli stranieri le studiano tutte per superare l'esame di scuola guida senza la fatica di imparare. Dopo il nigeriano...

Tagli agli stipendi per pandemia, dipendenti Actv sul piede di guerra

Tagli agli stipendi Actv a causa della pandemia. In realtà, non veri e propri 'tagli', bensì voci integrative che non possono più essere assicurate. Si...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Anziana in stato confusionale voleva buttarsi in acqua di notte alle Fondamente Nove

Delicato intervento della Polizia di Stato alle tre di notte tra domenica e lunedì. Il soccorso ha riguardato una anziana signora che sembrava volersi buttare...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Piazza Ferretto: sfonda vetrina con un tombino per rubare bottiglie esposte

Una pattuglia del Reggimento Lagunari Serenissima, impegnata nel servizio Strade Sicure, ha bloccato ieri sera un uomo che dopo aver sfondato la vetrina di...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.