7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Coronavirus: rabbia social per morte del medico che denunciò l’allarme ma fu punito

HomeIn CopertinaCoronavirus: rabbia social per morte del medico che denunciò l'allarme ma fu punito
la notizia dopo la pubblicità

coronavirus ira social morte medico Li Wenliang

Coronavirus, una storia che porta con sé anche altre componenti oltre a quelle prettamente cliniche.

Il dott. Li Wenliang aveva scoperto prima di tutti il pericolo della diffusione del virus cinese ma non fu creduto, anzi, fu redarguito di voler causare allarmismo, ed ora che è morto proprio per quel virus il popolo dei social si scaglia contro quella decisione.

Esplode così l’ira sui social cinesi per la morte del medico eroe. E sono le proteste ora ad aver cominciato a circolare come un virus sulla rete. L’hashtag ‘#Dr Li Wenliang è morto’ ha raggiunto in serata più di 1,5 miliardi di visualizzazioni su Weibo, il Twitter in mandarino.

L’emozione per la scomparsa dell’oftalmologo di 34 anni è stata forte e ha risvegliato la voglia di discutere e criticare, anche le autorità, nel mezzo dell’epidemia del coronavirus di Wuhan.

I due hashtag più diffusi in mattinata su Weibo sono stati quelli collegati al medico eroe: #vogliolalibertàdiparola, in particolare, ha vantato un record di milioni di visualizzazioni prima di sparire nelle maglie della censura cinese del Great Firewall.

A poche ore dalla sua morte per il contagio della malattia, gli utenti di WeChat, l’app di messaggistica, hanno espresso cordoglio e rabbia.

Dalla tristezza per la perdita di un “eroe” ai riferimenti al ‘Senti il popolo cantare’ da Les Misérables fino al commento stesso di Li rilasciato al magazine Caixin: “Una società sana non dovrebbe avere una sola voce”.

Ma anche questo è finito poi sotto la pressione della censura.

Molti netizen hanno passato la notte seguendo il giallo del suo decesso: prima dato per certo, poi diventato uno stato in condizioni disperate e, infine, morto.

Il dottor Li Wenliang era un oculista di 34 anni, lavorava in ospedale, e per primo si era accorto di un’anomala diffusione di polmoniti gravi ancora a dicembre.

Per primo ipotizzò che la causa potesse essere un nuovo virus, così espresse le sue perplessità ma subito arrivò la polizia che lo accusò di diffondere notizie false e allarmistiche.

Poche settimane dopo, come tutti sanno, esplose il numero di decessi e il mondo scoprì il nuovo coronavirus. Il dottor Li Wenliang fu scagionato e tornò a lavorare nel suo ospedale ma dopo avere visitato una paziente che poi risultò positiva al nuovo coronavirus, iniziò a sviluppare una grave infiammazione delle vie respiratorie.

Il dottor Li Wenliang fu trovato positivo al coronavirus e, prima di morire, raccontò la sua storia sui social network cinesi.

Su internet restano ancora uno screenshot con il post del Global Times che dà il medico morto il 6 febbraio quando era ancora vivo, e quello del Wuhan Central Hospital sulla conferma ufficiale della scomparsa, datato 7 febbraio.

Tra i vari commenti su Weibo e WeChat, ce ne sono alcuni con la chiamata a scendere in strada (“contro la gestione della crisi”) e altri con allusioni poetiche sulla fallacia del Partito comunista cinese, in gran parte stoppate dal Great Firewall.

“Li è un eroe e ha messo in guardia gli altri sacrificando la sua vita”, ha scritto uno dei follower del medico di Wuhan, morto in piena notte alle 2:58 (le 19:58 di giovedì in Italia), secondo il referto ufficiale.

Altri commenti sono molto più pesanti: “Quei grassi funzionari che vivono con il denaro pubblico possano morire per una bufera di neve”, ha scritto un netizen in un post, subito oscurato.

In serata, invece, l’agenzia Xinhua ha dato conto dell’omaggio del governo municipale di Wuhan al coraggioso oculista: sarà “compensato” dall’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro con un indennizzo totale di oltre 800.000 yuan (circa 114.000 dollari) per il funerale e le altre spese, a favore dei familiari.

L’Ufficio comunale per le risorse umane e la previdenza sociale di Wuhan verificherà anche il pagamento della pensione per i suoi parenti a norma di legge.

Tutti temi finiti poi nelle chat di discussione.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...