Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
4C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
HomeNotizie VenetoVicenza: chiedono permesso soggiorno ma glielo avevano già tolto

Vicenza: chiedono permesso soggiorno ma glielo avevano già tolto

Gruppo Rom che da anni vive in un campo nomadi ma il capofamiglia il permesso l'aveva già, se lo è visto revocare per una sequela di procedimenti penali e arresti cumulati tra il 2003 e il 2014. L'assessore al sociale, Isabella Sala, si schiera a favore degli strumenti che favoriscono l'inclusione, come il permesso di soggiorno

Sparatoria in campo nomadi, un morto e uno gravissimo scaricati davanti l'ospedale

Sta dividendo l’opinione pubblica e la stessa amministrazione di Vicenza il ‘caso’ di una famiglia di nomadi bosniaci, da anni stanziale in città, che supportata dalla Caritas ha chiesto il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Il problema – riferisce la stampa locale – è che il capofamiglia il permesso l’aveva già, ma se lo è visto revocare per una sequela di procedimenti penali e arresti cumulati tra il 2003 e il 2014.

Sulla vicenda interviene anche l’europarlamentare leghista Mara Bizzotto, annunciando di aver presentato un’interrogazione sul caso alla Commissione Ue. “L’asilo politico ai Rom – scrive Bizzotto – è una richiesta scandalosa e inaccettabile. Trovo letteralmente scandaloso che questo gruppo Rom, che da anni vive in un campo nomadi a Vicenza chieda e pretenda l’asilo politico”.

La commissione prefettizia che dovrà prendere una decisione sulla domanda di permesso non si è ancora espressa. Il supporto della Caritas al gruppo nomade deriva soprattutto dal fatto che la famiglia ha sei figli, tre dei quali afflitti da disabilità.

Il caso dei nomadi bosniaci ha però diviso anche la maggioranza di centrosinistra della giunta comunale vicentina, guidata dal sindaco Pd Achille Variati. L’assessore al sociale, Isabella Sala, si schiera a favore degli strumenti che favoriscono l’inclusione, come il permesso di soggiorno.

Di tutt’altro avviso il vicesindaco Jacopo Bulgarini D’Elci, che sul proprio profilo Facebook ha scritto: “Mi spiace ma lo devo dire. Che una famiglia di nomadi, che da anni staziona nel territorio in forme problematiche, faccia richiesta di asilo politico è sconcertante e francamente inaccettabile. Non solo un raggiro della legge ma anche un insulto, privo di rispetto, verso un tema difficilissimo e centrale del nostro tempo”.

(foto di repertorio)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.