Verona, aerazione ostruita: morto 48enne per monossido da stufa a legna

ultima modifica: 23/01/2019 ore 11:25

196

incendio spinea anziana asfissia fumo

Un uomo è morto questa notte nel Veronese per monossido di carbonio prodotto dal braciere a legna che aveva acceso per scaldarsi.

L’uomo, di 48 anni, è morto questa notte asfissiato dal monossido di carbonio. La località dell’incidente è Sant’Ambrogio di Valpolicella (Verona).

Pochi minuti prima delle 4 i vigili del fuoco di Bardolino sono intervenuti nella sua abitazione dopo l’allarme lanciato dal personale del 118.

Inutile ogni tipo di soccorso in quanto il 48enne era già morto a causa delle esalazioni della legna che ardeva in un braciere, rinvenuto nel bagno dove la via di ventilazione dei locali era
ostruita.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri per i rilievi di rito.

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

nuovo virus cinese 'Coronavirus' ceppo della Sars: ultimi aggiornamenti
"Bomba Day" a Marghera: evacuazione domenica 2 febbraio per migliaia di cittadini. Tutte le informazioni

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here