6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Verona che compie l’impresa contro la Juventus, vogliamo parlarne?

HomeHellas VeronaVerona che compie l'impresa contro la Juventus, vogliamo parlarne?
la notizia dopo la pubblicità

Verona formato Europa, la Juve finisce ko.

verona juric vittoria contro juventus net 600

Il Verona compie l’impresa contro la Juventus: non basta Cristiano Ronaldo – autore comunque del provvisorio vantaggio bianconero con un coast-to-coast di livello europeo – la passione, la veemenza, il coraggio degli uomini di Juric fanno la differenza.

E’ uno straordinario Verona quello di Juric. Non basta nemmeno l’ennesima meravigliosa perla di un Ronaldo che a fine partita dondola la testa sconsolato.

CR7 è alla 10ma rete di fila in campionato. La Juve e’ sulle spalle del suo campione, ma è solo lui nella trasferta veneta che risponde presente a Sarri.

Cristiano colpisce un palo, sfiora il gol gia’ nella prima frazione. Poi nella ripresa confeziona un’altra delle sue meraviglie. Parte dal proprio centrocampo, scambia in velocita’ con Betancur e inchioda con un diagonale millimetrico Silvestri.

La Juve a questo punto ha la partita in mano, mancano 20′ alla fine, ma commette l’errore di pensare che sia già finita. Così lascia ancora spazio agli indomiti del Verona che con Borini sfrutta le amnesie dei bianconeri.

Poi il Var, protagonista nella prima frazione nell’annullare una rete a Kumbulla che tutti hanno visto regolare, richiama l’attenzione di Massa.

Scomposto e falloso l’intervento di Bonucci che di mano devia l’ennesimo tentativo di Kumbulla. Rigore che Pazzini trasforma.

Nella prima frazione il Verona parte a mille. Gli scaligeri sono determinati a confermarsi su alti livelli e aggrediscono una Juventus che scende al Bentegodi con la voglia di vincere e mettere pressione ulteriore a Inter e Lazio in campo dopo i bianconeri.

3-4-2-1 per Juric che schiera Borini punta unica con Pessina e Zaccagni a supporto. Faraoni e Lazovic esterni con Amrabat e Veloso in mezzo al campo. In difesa Rrahmani, Kumbulla e Gunter.

Sarri risponde col 4-3-3 con Douglas Costa, Higuain e Ronaldo in attacco. A centrocampo Bentancur, Pjanic e Rabiot. Cuadrado e Alex Sandro esterni con Bonucci e de Ligt al centro della difesa.

Il Verona crea un paio di ghiotte opportunita’, attaccando sugli esterni e pressando alto. Faraoni sfiora il gol chiamando alla risposta Szczesny.

Verona che poi passa sulla punizione di Veloso, l’incertezza di Bonucci e quella di Szczesny e la deviazione di testa di Kumbulla. Ma il Var con Fabbri segnala un fuorigioco che ha visto solo il computer per quanto davvero millimetrico.

La Juve si accende a tratti, ma quando lo fa son dolori. Douglas Costa di sinistro centra la traversa dal limite, Ronaldo il palo alla sinistra di Silvestri dopo una bella azione personale.

Nella ripresa gli allenatori non mettono mano alle squadre, l’equilibrio regna sovrano sino alla magia di Ronaldo. Ma la Juve compie l’errore di pensare che il Verona sia addomesticato, non alza la concentrazione e i gialloblu hanno vita e forza da vendere.

Prima Borini, poi il rigore di Pazzini grazie al Var mandano in paradiso il Bentegodi di fede Hellas. La Juve guarda con paura alle sfide di Inter e Lazio, il Verona sogna incredibilmente l’Europa.

Ivan Juric incassa i complimenti in sala stampa. “Si, e’ vero. Abbiamo fatto una prima mezzora bellissima come intensita’ ma siamo mancati nell’ultimo passaggio. Giocavamo veramente bene, dovevamo fare gol. Anche perche’ la Juve ha qualita’ tecniche straordinarie. Poi i ragazzi sono stati bravi a non mollare una volta andati sotto e credo abbiano meritato la vittoria. Ero preoccupato alla vigilia di questa partita perche’ contro la Lazio avevamo speso tantissimo. E invece la squadra ha risposto alla grande. Salvezza? Noi dobbiamo fare al più presto 40 punti poi faremo le nostre valutazioni”.

Maurizio Sarri commenta cosi la sconfitta di Verona. “In questo momento abbiamo una evidente differenza di rendimento e di risultati tra casa e trasferta. È stata una partita difficile, sapevamo che sarebbe stata dura, dopo due pali siamo andati in vantaggio. Loro ci hanno aggredito in maniera selvaggia, ma lo sapevamo”.

Sarri sottolinea l’errore della sua squadra sulla rete di Borini. “Non si possono lasciare punti per strada, ma soprattutto è difficile commentare anche come è stato preso il primo gol, non possiamo permetterci errori di superficialità. E’ incredibile che nel calcio di questo livello nessuno abbia colto il pericolo dell’azione che si stava sviluppando. I meriti del Verona sono enormi, ci hanno aggredito con grande convinzione, noi lo sapevamo che sarebbe stata una gara complicata. Siamo passati in vantaggio ma a causa della nostra superficialità l’abbiamo buttata via. La testa è uno degli aspetti più importanti della gara, si comanda la partita e la prestazione fisica, è tutto collegato, dobbiamo capire che vincere non è scontato e quindi dobbiamo farci entrare nella testa che, per vincere bisogna lottare di più e sacrificarci di più. All’inizio c’e’ stato un grande Verona, ma la loro vittoria e’ soprattutto figlia dei nostri demeriti”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mattia Cagalli
Fin dalla prima ora tra i fondatori di questo Giornale, è giornalista, scrittore e regista cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione, si occupa anche di calcio e del Verona, sue grandi passioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...