7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Venezia, il patriottismo sventola dai balconi contro il coronavirus. Tricolore e messaggi per i 159 anni dell’Unità d’Italia

HomeCoronavirusVenezia, il patriottismo sventola dai balconi contro il coronavirus. Tricolore e messaggi per i 159 anni dell'Unità d'Italia
la notizia dopo la pubblicità

di Giorgia Pradolin.
Nome file: bandiera-tricolore-andrà-tutto-bene-coronavirus-venezia-nostra-640.jpg
Venezia, il patriottismo sventola dai balconi e unisce contro il coronavirus.

E’ tornato il tricolore alle finestre del centro storico lagunare, per salutare il 159esimo anniversario della proclamazione dell’Unità d’Italia. Una giornata senza celebrazioni, ma con un messaggio riportato sulle bandiere che è anche il motto di questa battaglia antivirus: “Andrà tutto bene”.

Non si ricorda una Piazza San Marco vuota come quella di oggi, in questa ricorrenza, ma il senso di comunità nazionale si è fatto comunque sentire da altane e terrazzi, con l’inno di Mameli intonato a più riprese e accompagnato dai flash mob di questi giorni: canti, fiaccole, applausi e luci.

159 anni fa l’Italia si unificò e Vittorio Emanuele II di Savoia proclamò il Regno d’Italia contro il nemico austriaco. Oggi il paese si chiude, da nord a sud, per contrastare un nuovo nemico, invisibile quanto pericoloso, il Covid-19.

Il 17 marzo 2020 passerà alla storia per questa emergenza, che purtroppo conta sempre più vittime. Una battaglia in cui i soldati sono i medici e gli infermieri segnati al volto dalle troppe ore con le mascherine, la cavalleria è rappresentata dall’apertura di nuovi ospedali e reparti dedicati all’emergenza, l’artiglieria i macchinari e i dispositivi sanitari che si cercano in tutta Europa. Ma soprattutto, la scoperta di un vaccino.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Il Colle ha annullato, per motivi di sicurezza, tutte le cerimonie pubbliche previste per il 159esimo anniversario dell’Unità nazionale. Sul sito del Quirinale si legge una nota del presidente Sergio Mattarella:
“Si celebra oggi in tutta Italia la giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera. Il clima di difficoltà, di incertezza e di sofferenza che stiamo vivendo rende ancora più stringente la necessità di unità sostanziale di tutti i cittadini attorno ai valori costituzionali e ai simboli repubblicani”.

IL PREMIER
“159 anni fa – ha twittato il premier Giuseppe Conte – veniva proclamata l’Unità d’Italia. Da allora il nostro Paese ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta”.

“Ognuno di noi con la propria determinazione – ha scritto Conte – può offrire un prezioso contributo per vincere questa battaglia. Facciamo risuonare ancora il nostro Inno. Possono separarci una porta, un balcone, una strada. Ma niente e nessuno potrà separare i nostri cuori. Uniti ce la faremo”.

“Mai come adesso l’Italia – ha concludo il premier – ha bisogno di essere unita. Sventoliamo orgogliosi il nostro Tricolore. Intoniamo fieri il nostro Inno nazionale. Uniti, responsabili, coraggiosi”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...