Venezia, il patriottismo sventola dai balconi contro il coronavirus. Tricolore e messaggi per i 159 anni dell’Unità d’Italia

ultimo aggiornamento: 18/03/2020 ore 12:16

334

di Giorgia Pradolin.
Nome file: bandiera-tricolore-andrà-tutto-bene-coronavirus-venezia-nostra-640.jpg
Venezia, il patriottismo sventola dai balconi e unisce contro il coronavirus.

E’ tornato il tricolore alle finestre del centro storico lagunare, per salutare il 159esimo anniversario della proclamazione dell’Unità d’Italia. Una giornata senza celebrazioni, ma con un messaggio riportato sulle bandiere che è anche il motto di questa battaglia antivirus: “Andrà tutto bene”.

Non si ricorda una Piazza San Marco vuota come quella di oggi, in questa ricorrenza, ma il senso di comunità nazionale si è fatto comunque sentire da altane e terrazzi, con l’inno di Mameli intonato a più riprese e accompagnato dai flash mob di questi giorni: canti, fiaccole, applausi e luci.


159 anni fa l’Italia si unificò e Vittorio Emanuele II di Savoia proclamò il Regno d’Italia contro il nemico austriaco. Oggi il paese si chiude, da nord a sud, per contrastare un nuovo nemico, invisibile quanto pericoloso, il Covid-19.

Il 17 marzo 2020 passerà alla storia per questa emergenza, che purtroppo conta sempre più vittime. Una battaglia in cui i soldati sono i medici e gli infermieri segnati al volto dalle troppe ore con le mascherine, la cavalleria è rappresentata dall’apertura di nuovi ospedali e reparti dedicati all’emergenza, l’artiglieria i macchinari e i dispositivi sanitari che si cercano in tutta Europa. Ma soprattutto, la scoperta di un vaccino.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Il Colle ha annullato, per motivi di sicurezza, tutte le cerimonie pubbliche previste per il 159esimo anniversario dell’Unità nazionale. Sul sito del Quirinale si legge una nota del presidente Sergio Mattarella:
“Si celebra oggi in tutta Italia la giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera. Il clima di difficoltà, di incertezza e di sofferenza che stiamo vivendo rende ancora più stringente la necessità di unità sostanziale di tutti i cittadini attorno ai valori costituzionali e ai simboli repubblicani”.


IL PREMIER
“159 anni fa – ha twittato il premier Giuseppe Conte – veniva proclamata l’Unità d’Italia. Da allora il nostro Paese ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta”.

“Ognuno di noi con la propria determinazione – ha scritto Conte – può offrire un prezioso contributo per vincere questa battaglia. Facciamo risuonare ancora il nostro Inno. Possono separarci una porta, un balcone, una strada. Ma niente e nessuno potrà separare i nostri cuori. Uniti ce la faremo”.

“Mai come adesso l’Italia – ha concludo il premier – ha bisogno di essere unita. Sventoliamo orgogliosi il nostro Tricolore. Intoniamo fieri il nostro Inno nazionale. Uniti, responsabili, coraggiosi”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here