7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

HomeVenezia e i turistiVenezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione
la notizia dopo la pubblicità

continua a leggere dopo la pubblicità

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo il tempo della pandemia.
Un lungo periodo che oltre a mutare la nostra vita, aveva trasformato la città lagunare in un habitat inconoscibile, disabitato quasi, dai risvolti inquietanti e tra essi problematici.

La cosiddetta ‘ripresa’ del lavoro, l’auspicio a uscire da questa gabbia della paura, oggi trovano conforto e insieme sconcerto con lo sbarco in laguna di turisti di ogni dove, in gran parte tedeschi, ma anche francesi, spagnoli, svizzeri e inglesi intenzionati a godersi a ‘tutto titolo’ il fascino della nostra città’.

Sono saliti su mezzi di trasporto esausti dalla fatica di farcela a ospitare, con comandante e marinai, un carico improponibile di visitatori.
Ondeggiando un po’ qua e un po’ là cercano di assolvere il loro difficile compito di trasportare affannosamente chi ha comprato un biglietto, per navigare diligentemente e al sicuro.

Si ripetono, come un triste ritornello, nervosismi, per ora trattenuti per difficoltà, ritardi, cittadini a terra in attesa del mezzo successivo.
Più arrabbiato di tutti, è chi deve salire sul vaporetto o sul motoscafo, per recarsi al lavoro.
Il clima, sempre caldo in queste circostanze esasperanti, ha coinvolto tutte le linee della Giudecca, anche in presenza, di manifestazioni di fine settimana molto partecipate, come le regate Hospitaly challenge e la Veleziana, che costringendo a ’rotte’ allargate, hanno provocato ritardi, anche di dieci minuti di permanenza in più sui mezzi di trasporto.

Boccheggiavano fino all’esaurimento i posti nel parcheggio di piazzale Roma e le corse bis lagunari a San Giorgio. Le linee 2 e 4.1 – 4.2, le più colpite e sofferenti.
Le rappresentanze si sindacali stanno organizzando una controffensiva per rimediare a questo stato di cose, ma come si è già verificato, non sarà un’operazione semplice.

Intanto e contemporaneamente, la Venezia soleggiata e con temperature estive ha richiamato i turisti che, ovviamente, girano la città anche di sera e che insieme ai residenti e ai visitatori abituali, hanno riempito le piazze e i campi che hanno assistito all’invasione dei cartoni della pizza, dei bicchieri di plastica sui masegni, comportamenti incivili e di tutto un più: come da copione.
Povero campo Santa Margherita, sempre vittima di sgradevolezza nelle ore alcoliche della movida.

Che fare? Le multe non bastano, non convincono, qualcuno dice che bisogna rinforzare la consapevolezza. Di chi, è in dubbio, forse di tutti.
Della trascuratezza si lamentano silenti anche i cigni, le anatre, le garzette, e gli aironi che nessuno ha più visto nello stagno e nel laghetto del parco di San Giuliano: spariti per andare dove? Forse a cercare un po’ d’acqua altrove, visto che le pompe che dovevano abbeverare lo stagno, si sono rotte.
E nessuno ha provveduto a rimediare, fino a trasformare quell’area, una zona desertica e francamente indecente.

» leggi anche: “Case per turisti a Venezia in base al numero dei residenti. Le proposte di Italia Viva
» leggi anche: “Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

5 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. …tre settimane fa in prossimità di Tre Porti e Lio Piccolo ho notato due belle garzette intente a farsi la corte ignare di tutte le tematiche legate al turismo a Venezia: beate loro!!

  2. Incominciamo con RISPETTO per tutti
    E per TUTTO benvenuti gli ospiti
    Rispettosi..Noi offriamo tanto
    Rispettare chi LAVORA e chi va al
    Lavoro…..poi piano piano si
    Aggiusta TUTTO …..

    • Il rispetto è anche non entrare in casa di uno in 50, se ci stanno solo 10 persone…
      Venezia è la nostra casa, e invece di 25 mila persone ne vengono 200 mila! Questo non è rispetto, e credo che anche lei, che son sicuro non li vorrebbe, li manderebbe fuori a calci nel sedere da casa loro…!
      Rispettare appunto chi lavora non intasando calli e battelli.
      Pian piano non si aggiusta tutto, anzi, peggiora! E’ ora di mobilitarsi!

      Prof. Fabio Mozzatto – Veneziano D.O.C. (che rispetta chi non gli sale in testa e non soffoca la sua città…)

  3. Lo trovo un pessimo articolo, sensazionalusta, negativo e che criminalizza i turisti. E non accenna a soluzioni possibili. Forse servirebbe una amministrazione più colta e lungimirante, all altezza del prestigio Internazionale di Venezia ma capace anche di pensare ad una economia della città non basata solo sul turismo. E comunque a come fare ‘buon turismo’. I quali turisti pagano tasse, i biglietti del vaporetto 5 volte di più dei cittadini, mangiano nei ristoranti , pagano sakaramente l’accesso a musei e chiese

    • Scusi sa, ma come diceva Totò: “ma mi faccia il piacere!”
      Pessimo articolo? Sacrosanto!
      Amministrazione più colta? Macchè, interessano solo i soldi, i voti e gli amici imprenditori, allora via tutti, Sindaco e Assessori, da Cà Farsetti: non tutelano i veneziani!
      La soluzione? FUORI TUTTI I TURISTI DA VENEZIA! BASTA! STOP! FINE! TUTTI FUORI DALLE SCATOLE!
      E poi ne riparliamo, di economia e di profitto PER TUTTI e non solo per i soliti noti…
      Abbiamo il diritto di vivere, di riposare, di avere le calli senza le loro urine e cartoni di pizza, di prendere un battello non straripante e di non prenderci il Covid per colpa dei turisti e di chi li gestisce (o meglio, non li gestisce affatto).
      Portano soldi? A me no, a molti altri residenti nemmeno, portano solo l’invivibilità e la tassa rifiuti più cara d’Italia per quello che ci lasciano per le strade…
      Se li tengano pure i soldi! Venezia era una grande repubblica grazie al commercio e alla buona amministrazione, non grazie ai turisti che la stanno distruggendo!
      I veneziani sono invitati ad agire ed organizzarsi per fermare questo incubo chiamato turismo e a reclamare il loro diritto alla vivibilità!

      Prof. Fabio Mozzatto – Veneziano D.O.C. (che nulla guadagna dai turisti, solo paga!)

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...
spot

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”
Advertisements

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")