Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
12.1C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeDisabilitàVenezia: disabile costretto a vivere dentro casa

Venezia: disabile costretto a vivere dentro casa

Non garantire ad una persona già afflitta da disabilità di poter uscire di casa, vivere, godere di quelle semplici cose che la quotidianità può donargli come l’incontro con i vicini, il saluto con gli amici della Giudecca, assomiglia ad una crudeltà istituzionale

Il governo ha perso, le indennità da disabili non gonfiano reddito Isee

Un grido d’allarme che deve essere ascoltato. Non è più sostenibile la vita di Aldo e della sua famiglia.

Aldo è invalido al 100%, gli hanno amputato una gamba, vive e si sposta come può in carrozzina. La sua casa di proprietà comunale alla Giudecca, è in due piani e le scale rappresentano per lui e la famiglia un valico insormontabile che lo umiliano e lo scoraggiano. Vive con la moglie, un fratello che deambula a fatica e il figlio disoccupato. Ogni giorno la sua odissea si ripropone: inutili e vane le richieste d’aiuto al Comune per il cambio con una casa senza barriere architettoniche.

Eppure ne ‘avrebbe’ diritto e il condizionale del verbo tradisce e rivela la rabbia e lo stupore che un bisogno così vero e drammatico non possa essere preso nella dovuta considerazione.

Le scale non gli consentono di uscire di casa, i corridoi stretti e la struttura dell’abitazione, frenano anche i passaggi rocamboleschi da una stanza all’altra, dalla camera da letto al bagno, l’età dei coniugi (69 e 63 anni) segna con la fatica ogni spostamento, in bagno il signor Aldo ci può andare solo quando c’è il figlio che riesce a sollevarlo.

L’ultima domanda inoltrata al Comune risale a Novembre e va ad accumularsi alle tante precedenti, alle quali non è stata data risposta positiva. La moglie, stremata dalla fatica, rivela tutto lo sconforto per aver ricevuto uno sfacciato aumento di affitto. Il Comune chiede 850 euro, che sono per la famiglia con un figlio disoccupato, una vera e propria catastrofe, inoltre sulla valutazione del reddito l’amministrazione ha considerato la pensione di invalidità, che per il Caf, non dovrebbe essere inclusa nel reddito.

Ne deriva lo specchio dell’eutanasia della vita stessa. Non garantire ad una persona già afflitta da disabilità di poter uscire di casa, vivere, godere di quelle semplici cose che la quotidianità può donargli come l’incontro con i vicini, il saluto con gli amici della Giudecca, assomiglia ad una crudeltà istituzionale.

Mortificare le attese di una famiglia già provata dalla malattia, chiedere ad una donna e alla famiglia di sopperire alla violazione di un diritto, è davvero troppo. E se si pensa che la legge italiana assegna come diritto ai disabili il superamento delle barriere architettoniche, e se si aggiunge una realtà sommersa, che non si conosce e che registra in un silenzio siderale esistenze costrette a vivere a casa, le cui voci, le cui fatiche non ci arrivano, sembra impossibile che questa nostra società possa chiamarsi civile.

Andreina Corso

(foto di repertorio)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.