7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Venezia, 47 denunciati per spostamenti non autorizzati, anche feste di compleanno e grigliate

HomeCoronavirusVenezia, 47 denunciati per spostamenti non autorizzati, anche feste di compleanno e grigliate
la notizia dopo la pubblicità

carabinieri controlli
Venezia, 47 persone denunciate dai carabinieri per spostamenti non autorizzati, in violazione del Dpcm per il contenimento del Covid-19.

Continuano i servizi disposti dal Prefetto e svolti dall’Arma dei Carabinieri: numerosi, in queste ore, gli interventi nella provincia veneziana per verificare il rispetto delle prescrizioni imposte dai decreti del presidente del Consiglio dei Ministri per contenere la pandemia da Coronavirus.

La maggior parte delle persone ha ormai metabolizzato la necessità, per evitare l’evoluzione del contagio, di evitare assembramenti e di non uscire dalla propria abitazione se non per le motivazioni di necessità, lavorative e di salute. A questo proposito, anche la circolazione delle auto a Venezia è sensibilmente diminuita ma c’è ancora chi non rispetta le restrizioni.

A SAN MARCO E CANNAREGIO
Nel territorio di competenza della Compagnia Carabinieri di Venezia sono stati denunciati dal Nucleo Natanti 2 cittadini bengalesi, un 41enne e un 44enne, perché ieri mattina, dopo ripetute richieste di cessazione dell’attività, ancora tenevano aperto una pizzeria d’asporto nel Sestiere San Marco.
Sono state inoltre denunciate, dai militari della stazione di Cannaregio, 5 persone trovate nel primo pomeriggio sulle fondamenta Lizza Fusina, fuori dalle proprie abitazioni senza giustificato motivo e assembrati tra di loro. Si tratta di un 68enne, un 27enne, un 24enne, un 61enne e un 62enne.

IN TERRAFERMA:
Nel territorio di competenza della Compagnia Carabinieri di Mestre i carabinieri della stazione di Mirano, nel pomeriggio, in via Gramsci e Dei Pensieri hanno denunciato un cittadino moldavo 25enne, residente a Spinea e pregiudicato, perché fuori casa senza giustificato motivo, e altri tre cittadini italiani tutti di 20 anni, studenti universitari incensurati, perché fuori casa anch’essi senza giustificato motivo.

I carabinieri di Martellago nel primo pomeriggio al “parco dei Laghetti” hanno denunciato due cittadini albanesi 39enne e 28enne, entrambi pregiudicati, perché sostavano ai tavolini esterni del bar del parco chiaramente chiuso.

La Radiomobile della Compagnia di Mestre, in serata, in via Rizzardi a Marghera (la zona a ridosso della stazione ferroviaria) ha denunciato tre cittadini kosovari, di 20 anni, studenti, perché dopo aver viaggiato su mezzo Actv dichiaravano di essere in giro per festeggiare l’arrivo in città di un parente.

A Noale, sempre in serata, in un podere agricolo sono stati denunciati quattro cittadini italiani anch’essi ventenni, studenti, perché riunitisi per una grigliata tra amici.

A SAN DONA’ DI PIAVE:
Nel territorio di competenza della Compagnia Carabinieri di San Donà di Piave invece, i militari hanno denunciato all’una di notte un 45enne di Pramaggiore (Ve), che non era in grado di fornire alcun comprovato motivo per la sua presenza a San Donà. L’uomo è risultato disoccupato e incensurato.

Qualche ora prima, alle 22 è stata intercettata un’auto con a bordo una donna 36enne albanese e la figlia 16enne, entrambe residenti nel Comune, che riferivano di aver riaccompagnato presso la propria abitazione una parente, risultata però risiedere a circa 1 Km di distanza dalla loro dimora, e in località differente rispetto a quella in cui sono state trovate dai militari. Pertanto anche la 36enne è stata denunciata in stato di libertà, per l’inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

I Carabinieri della Compagnia di Chioggia Sottomarina, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, hanno riscontrato varie violazioni degli obblighi imposti dai recenti decreti inerenti alle misure urgenti di contenimento del contagio da Coronavirus.

I militari hanno denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria 27 persone, controllate e trovate senza giustificato motivo in comuni differenti da quelli di residenza, oppure fuori dal proprio domicilio.

In particolare, quattro persone sono state sorprese a Cavarzere, nella casa di parenti, intenti a partecipare a una festa di compleanno.

(categoria “virus cinese”)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...