giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

Venezia: Caffè Florian compie 300 anni, ma è chiuso

HomeVenezia cittàVenezia: Caffè Florian compie 300 anni, ma è chiuso

Venezia: il Caffè Florian è una sorta di istituzione della Piazza più bella del mondo e della città. Oggi compie 300 anni, ma sfortunatamente è chiuso a causa della crisi e del Covid, indissolubilmente legate tra loro.
“Il Demanio vuole il 100% canone e per noi neanche 1 euro di ristoro” è l’urlo di rabbia.
Lo storico Caffè Florian, in Piazza San Marco a Venezia, proprio oggi compie 300 anni (29 dicembre 1720 – 29 dicembre 2020). Ma è un compleanno amaro.
Un compleanno segnato dalla chiusura, come tutti i locali della piazza, causata dalla crisi turistica mondiale determinata dal Covid.
Una festa “nel silenzio e nella desolazione di una Venezia magnifica e spettrale” dice l’Ad del Florian Marco Paolini.
“La crisi attuale è ovviamente di tutti, ma per il Caffè Florian è come lo specchio di un’intera città, Venezia, vittima del suo stesso successo turistico mondiale – prosegue Paolini -. Festeggiare

i 300 anni di vita di un’attività con le porte sbarrate è l’immagine emblematica di questa crisi di Venezia e delle città d’arte in generale, per questo il Florian è un simbolo, che può essere preso ad esempio dalle molte attività storiche ora in crisi profonda, la cui crisi non ha solo valore economico, ma soprattutto storico, in quanto pezzi della storia d’Italia conosciuti nel mondo”.
“Nel contempo – aggiunge – il Demanio richiede il 100% del canone, senza aver avuto ancora un euro di ristoro: è una situazione comune a moltissime attività in questo momento, tuttavia non può essere la cronaca di una morte annunciata nell’indifferenza generale soprattutto delle istituzioni, a fronte di moltissime testimonianze di affetto da parte di privati.

(Rip.)
Venezia: il Caffè Florian è una sorta di istituzione della Piazza più bella del mondo e della città. Oggi compie 300 anni, ma sfortunatamente è chiuso a causa della crisi e del Covid, indissolubilmente legate tra loro.
“Il Demanio vuole il 100% canone e per noi neanche 1 euro di ristoro” è l’urlo di rabbia.
Lo storico Caffè Florian, in Piazza San Marco a Venezia, proprio oggi compie 300 anni (29 dicembre 1720 – 29 dicembre 2020). Ma è un compleanno amaro.
Un compleanno segnato dalla chiusura, come tutti i locali della piazza, causata dalla crisi turistica mondiale determinata dal Covid.
Una festa “nel silenzio e nella desolazione di una Venezia magnifica e spettrale” dice l’Ad del Florian Marco Paolini.
“La crisi attuale è ovviamente di tutti, ma per il Caffè Florian è come lo specchio di un’intera città, Venezia, vittima del suo stesso successo turistico mondiale – prosegue Paolini -. Festeggiare

i 300 anni di vita di un’attività con le porte sbarrate è l’immagine emblematica di questa crisi di Venezia e delle città d’arte in generale, per questo il Florian è un simbolo, che può essere preso ad esempio dalle molte attività storiche ora in crisi profonda, la cui crisi non ha solo valore economico, ma soprattutto storico, in quanto pezzi della storia d’Italia conosciuti nel mondo”.
“Nel contempo – aggiunge – il Demanio richiede il 100% del canone, senza aver avuto ancora un euro di ristoro: è una situazione comune a moltissime attività in questo momento, tuttavia non può essere la cronaca di una morte annunciata nell’indifferenza generale soprattutto delle istituzioni, a fronte di moltissime testimonianze di affetto da parte di privati.

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. e’ vergognoso che le istituzioni restino indifferenti nella situazione pandemica che ha colpito tutte le attivita’, senza consentire un periodo di moratoria che, comunque, non costerebbe nulla, in quanto chiusa l’attivita’ del “CAFFE”, nessuno produrra’ fino a non si sa quando alcun reddito ai titolari dell’immobile.!!!!!!
    Penso si tratti di un evento alla cosidetta …modalita’ all’italiana.
    Vizzolini.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".