1.1 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

Venezia, acqua alta e pandemia: “Noi operatori lasciati soli”

Home Piazza San Marco Venezia, acqua alta e pandemia: "Noi operatori lasciati soli"
sponsor

Venezia, acqua alta e pandemia: "Noi operatori lasciati soli"

sponsor

Venezia, acqua alta e pandemia, gli operatori, turistici e non, abbandonati, lasciati soli, davanti forse alla più grande crisi della nostra storia.
“Siamo stati lasciati soli, c’è bisogno di essere #unitipervenezia”.
Un appello che è anche una richiesta d’aiuto quello lanciato oggi dai commercianti dell’area marciana alle istituzioni dal cuore di Venezia, Piazza San Marco.
Preoccupa la pandemia, l’assenza di turismo, ma quello che oggi i commercianti chiedono a gran voce è di sbloccare i contributi

commercial

per l’acqua alta per le imprese, quelli che dovrebbe liquidare il Governo ma che non sono ancora arrivati.
Per questo l’Associazione Piazza San Marco ha convocato oggi una conferenza stampa per segnalare la situazione difficilissima che stanno attraversando tutte le attività economiche, su cui pesa la mancata liquidazione dei contributi per la marea eccezionale, a un anno di distanza.
“Sono trascorsi 365 giorni dalla marea eccezionale di novembre scorso – spiega il presidente dell’associazione Piazza San Marco Claudio Vernier – 365 giorni in apnea, il nostro incubo è iniziato il 12 novembre, abbiamo tirato su la testa a Carnevale per poi ripiombare nell’incubo che prosegue oggi. In piazza

circa il 30% di attività hanno chiuso. Vogliamo evitare che la situazione peggiori”.
Presenti all’incontro alcuni rappresentanti di tutte le attività che si trovano attorno alla piazza e in cui lavorano, in totale, circa 3mila persone.
Albergatori, negozi di vetri, specialità veneziane, gallerie artistiche, caffè di piazza.
“Rappresentiamo un luogo che come tanti altri sta soffrendo tantissimo – aggiunge Vernier – le città d’arte stanno subendo più di altre la crisi: nel momento in cui abbiamo perso il turismo abbiamo perso l’80-90% dei nostri introiti. Un momento di difficoltà per le aziende e per tantissimi dipendenti, gli stagionali sono rimasti a casa, c’è chi ha usufruito di cassa integrazione per tutto il periodo. A 365 giorni da quell’acqua alta ci sono aziende

che ancora non hanno avuto ristori economici per i danni subiti sopra i 20mila euro e potrebbero salvarle, per mantenere il tessuto sociale-economico che è in crisi”.
La sollecitazione è diretta alle istituzioni. “Siamo a chiedere al governo di liquidare questi contributi e una legislazione specifica per Venezia, per la sua specificità, siamo ambasciatori di arte, bello, artigianato – puntualizza Vernier – ricordo la ditta Pagan, artigiano storico, ha chiuso e anche Venini, c’è la questione dei 22 lotti demaniali di cui non ci sono ancora risposte concrete, e i ristori non ci sono. Le aziende rischiano di chiudere come già accaduto non solo nell’area marciana ma in tutta la città. Servono quindi ristori specifici, mirati, che prendano in considerazione la specificità della città di Venezia. Occorre inoltre rivedere la legge sulla liberalizzazione delle licenze che ci portiamo dietro dal 2007. Stiamo solo chiedendo che ci venga data la possibilità di rimanere vivi,

aperti, di pensare a chi rappresenta il tessuto sociale economico artistico di tutte le città d’arte.
“Io non nascondo – ha concluso Vernier, titolare del Caffè Gelateria al Todaro in Piazza – che la mia azienda è fortissima crisi, ha accumulato debiti che in 70 anni non avevamo mai accumulato. Da qui ad aprile tanti altri chiuderanno”.
Un grido di dolore condiviso da molti in Piazza San Marco.
“Partiamo dall’anniversario dell’acqua alta – dice Raffaele Alajmo, titolare del Gran Caffè Quadri e vicepresidente dell’Associazione – dove vi sono stati danni forti e importanti per tante aziende, per il quale il governo aveva sbloccato fondi, erano stati anche aperti conti correnti in cui erano arrivati contributi da tutto il mondo”.
Una parte dei soldi per risarcire i danni dell’acqua alta – osserva – è stata affidata al Comune di Venezia

“che ha liquidato i danni sotto i 20mila euro, ma quelli per i danni più importanti non sono arrivati. Abbiamo presentato al governo i dossier delle fatture già pagate, basta che Conte istituisca una piccola commissione per controllare questi dossier e risarcisca i danni. Almeno così si sblocca la situazione. Chiediamo al premier dove sono questi soldi – aggiunge Alajmo – almeno ci diano quelli promessi. I danni sono stati ripristinati, io ad esempio ne avuti tantissimi e ho speso 180 mila euro”.

(Foto: raffaele alajmo seduto, in piedi claudio vernier, associazione piazza san marco coronavirus/acqua alta 111120)

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...
sponsor

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

All’esame di guida con l’equipaggiamento da spia: due suggeritori fuori davano risposte

A quanto pare in questo periodo gli stranieri le studiano tutte per superare l'esame di scuola guida senza la fatica di imparare. Dopo il nigeriano...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
commercial

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...

Zuppa conservata male origina botulino: 40enne in rianimazione

Un uomo di 40 anni ha mangiato una zuppa scongelata ed è finito all'ospedale per intossicazione da botulino. L'incidente, che non ha responsabili se...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.