5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
10.5 C
Venezia
venerdì 23 Aprile 2021

Veneto in zona arancione nelle prossime settimane. Zaia: «Ci rimettiamo alla decisione tecnica»

HomeZaiaVeneto in zona arancione nelle prossime settimane. Zaia: «Ci rimettiamo alla decisione tecnica»

«Non è una decisione politica, ma tecnica: ci rimettiamo a quello che l’Istituto superiore della sanità ha stabilito». Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha commentato le ultime indiscrezioni sul passaggio, ormai molto probabile del Veneto a zona arancione assieme a Lombardia, Calabria, Emilia Romagna e Sicilia per le prossime settimane. Il 15 gennaio scade però il Dpcm del governo, quindi la classificazione è legata nei giorni successivi anche alle decisioni che investiranno il Paese dopo quella data e all’andamento in questi giorni dei parametri.

A metà giornata, venerdì 8 gennaio, nella riunione della cabina di regia tra il ministero della Salute Roberto Speranza e i rappresentanti delle Regioni, si era aperto il confronto sul rischio sanitario da Covid-19. Il ministro Speranza dovrebbe firmare l’ordinanza in serata, stabilendo la classificazione delle Regioni per colori, come riporta l’agenzia Adnkronos.

La cabina di regia ha diviso l’Italia in base agli indici Rt delle singole Regioni: con Rt inferiore a 1 si resta in zona giallo rafforzata (divieto comunque di spostarsi tra regioni); tra 1 e 1,25 la regione entra in zona arancione; superiore a 1,25 scatta la zona rossa con possibilità di uscire di casa solo con l’autocertificazione e per comprovati motivi, esattamente com’è previsto per sabato 9 gennaio e domenica 10.

Sono 1.715 i positivi al virus registrati nel bollettino veneto di venerdì 8 gennaio, 2.958 i ricoveri in area non critica e 357 in terapia intensiva. «Ad oggi ci sono 76 posti liberi in terapia intensiva», ha commentato il direttore della sanità del Veneto, Luciano Flor, mentre per il governatore: «si sta calando con i ricoveri da tre giorni, ma non si può mollare. Bisogna essere rigorosi nel rispetto delle regole e in ogni caso ci affidiamo all’Istituto superiore della sanità. Non è una scelta politica», ha detto sulla classificazione arancione.

L’Rt gira attorno all’uno in Veneto, ma probabilmente per via del sequenziamento del virus che ha portato alla luce alcune varianti non presenti in altre regioni d’Italia, si tiene sotto controllo l’incidenza del contagio ogni centomila abitanti, che nella nostra regione rimane «importante», ha commentato il presidente. Ad oggi siamo a 20 giorni di restrizioni, «è giusto ristorare coloro che fanno un sacrificio per la comunità, le attività imprenditoriali come palestre, i bar, i ristoranti stanno pagando un duro conto e va riconosciuto, anche in base al rinnovo del Dpcm del 15 gennaio».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
Advertisements
sponsor