26.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Vaccini che non arrivano, parla Astrazeneca: “Falso dire che dirottiamo le dosi altrove”

Homevaccino anti-covidVaccini che non arrivano, parla Astrazeneca: "Falso dire che dirottiamo le dosi altrove"

Vaccini che non arrivano, parla AstraZeneca: “Non violiamo il contratto. Non c’è un obbligo per la consegna dosi, dobbiamo fare il ‘meglio che possiamo’.”
Finalmente una testimonianza sull’argomento vaccini che proviene da “dentro”.
“Nell’accordo c’è scritto: faremo del nostro meglio, ma non c’è un obbligo sulla consegna delle dosi. E’ falso dire che stiamo dirottando fiale verso altri Paesi a scapito dell’Unione. Non stiano violando il contratto”.
Sono le parole dell’amministratore delegato di AstraZeneca, Pascal Soriot – in un’intervista a Repubblica, insieme ai giornali della Leading European Newspaper Alliance – replicando ai rilievi mossi dall’Ue dopo

l’annunciato taglio da parte dell’azienda del 60% delle dosi del proprio vaccino anti-Covid che verranno distribuite nel primo trimestre 2021 in Ue.
“Appena avremo l’approvazione dell’Ema, nei giorni successivi – ha quindi assicurato Soroit – invieremo subito 3 milioni di dosi in Ue, poi ci sarà un’altra fornitura corposa nella settimana successiva e così nella terza e quarta settimana del prossimo mese. L’obiettivo è recapitare all’Unione europea 17 milioni di dosi entro la fine di febbraio”.
Dove andranno?
“Di queste, faccio una stima superficiale perché l’esatta allocazione la fa l’Ue,

3 milioni di dosi in Germania, 2,5 circa in Italia e due in Spagna. Vorremmo poter fare molto di più, ma non è neanche poco”.
Quanto ai problemi di produzione verificatisi, Soriot rileva che anche in Gran Bretagna “abbiamo avuto problemi, ma il contratto di fornitura con il governo britannico è stato firmato tre mesi prima di quello con l’Ue e quindi abbiamo avuto il tempo di prepararci e risolvere simili disfunzioni in attesa dell’ok dell’agenzia del farmaco britannica. Ma tra febbraio e marzo riprenderemo a produrre a capacità massima anche per l’Ue”.
Rispetto all’ipotesi che le dosi siano dirottate verso altri Paesi:

“questa accusa è semplicemente errata, perché, lo ripeto, sul vaccino anti coronavirus non facciamo profitti né qui né altrove nel mondo, ed è scritto nero su bianco nel contratto di collaborazione con Oxford. Certo, molte persone sono stanche, il mondo vuole vaccinarsi e i governi sono sotto pressione, lo comprendo appieno. Ma non dirottiamo i vaccini degli europei ad altri Paesi che, secondo questa ricostruzione ingiusta – conclude – ci pagherebbero”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.