venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Vaccini ai bambini: clown e supereroi ai centri ma adesioni a macchia di leopardo

HomeVaccini e vaccinazioniVaccini ai bambini: clown e supereroi ai centri ma adesioni a macchia di leopardo

Vaccini ai bimbi: giochi, animazione, clown, supereroi e perfino “attestati di coraggio” ad accogliere i piccoli al loro ingresso negli hub vaccinali per l’avvio delle somministrazioni delle dosi anti-Covid alla fascia 5-11, dopo che ieri il Lazio ha fatto da apripista.
Varia la risposta delle famiglie italiane a secondo della geografia.
In testa il Lazio con 40mila prenotazioni (il 14% della platea complessiva), seguito dalla Lombardia (64mila appuntamenti, il 10% della platea); oltre 16mila in Toscana (l’8%), 24mila in Veneto (l’8%); 5.400 in Liguria (il 6,9%).
Meno entusiasmo al Sud: in Sicilia ad aver già fissato la dose sono 2.173 (l’1%), 6mila in Campania (1,5%); 250 in Molise (l’1,7%). L’Abruzzo è a quota 1.600 prenotati (il 2,2%), le Marche a 3.000 (il 3,2%).
Complessivamente sono 3,6 milioni i bimbi nell’intervallo d’età considerato. Le dosi distribuite dalla struttura commissariale sono 1,5 milioni. Altre ne seguiranno a gennaio.

Intanto, ieri si sono registrate altre 535mila somministrazioni, prevalentemente terze dosi (475mila).
“La campagna vaccinale in Italia – commenta il commissario Francesco Figliuolo – è arrivata quasi al 90% di copertura dell’intera platea con almeno una dose. Questo non basta, ma ritengo sia un obiettivo davvero importante raggiunto insieme”.
Con questo ritmo, aggiunge il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, “somministreremo oltre 15 milioni di vaccinazioni al mese ed entro marzo completeremo le terze dosi”.

Nella giornata di apertura, ovviamente, sono le famiglie convintamente pro-vax ad aver portato i propri figli piccoli negli hub. In Lombardia sono stati allestiti 62 punti pediatrici.
A Milano, nei padiglioni della Fiera il primo a sottoporsi all’iniezione è stato un bimbo di 11 anni accompagnato dalla madre. “Mi hanno detto – ha spiegato – che sono stato coraggiosissimo e in effetti devo dire che un po’ avevo paura dell’ago, ma anche grazie alla presenza dei clown mi è passato tutto”.
Il parco divertimenti Gardaland – coinvolto nell’accoglienza – ha anche regalato un ingresso gratuito per ogni piccolo vaccinato.
A Genova i bimbi sono stati accolti da ‘Capitan Vaccino’, personaggio creato ad hoc dalla Regione Liguria per la campagna vaccinale pediatrica; a Firenze si è mobilitata la questura che ha messo a disposizione due cani poliziotto per intrattenere i vaccinandi.

Divise in azione anche all’Umberto I di Roma, dove la Banda della Polizia ha intonato canti natalizi. A Bari, nell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII, a dare il benvenuto alle famiglie un gonfiabile gigante a forma di pupazzo di neve con il personaggio dei cartoon Olaf. Nel Lazio, prima regione a partire ieri, l’iniezione è stata fatta già a 4mila bambini. In Puglia sono stati 3mila. Più bassi i numeri altrove, specie nelle regioni meridionali.
Il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, ha una spiegazione: “qui al Sud – osserva – c’ è un rapporto molto più intenso con i bambini nelle famiglie, diciamo più protettivo, perché non voglio parlare di mammismo, ma un po’ alla volta le cose prenderanno il verso giusto”.

Il messaggio dei medici è forte da giorni: il vaccino pediatrico è sicuro perché già ampiamente sperimentato e va fatto. “I bambini certamente – ha spiegato il direttore scientifico dell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova Angelo Ravelli – rischiano molto di più con il Covid che non con i vaccini, perché un caso su 500 tra i bambini che si contagiano può andare incontro all’insorgenza della cosiddetta sindrome infiammatoria multi-sistemica, una condizione estremamente severa che può dare gravi infiammazioni a livello del cuore ed avere anche esito fatale”.

E nel pronto soccorso del Gaslini gli accessi Covid al pronto soccorso sono saliti nelle ultime settimane ad una media di 2-3 al giorno. Il consulente della campagna vaccinale in Regione Lombardia, Guido Bertolaso, da parte sua, ha ricordato che “la categoria di età più colpita dal Covid oggi in Lombardia sono i bambini tra i 5 e i 12 anni”. Il sottosegretario Costa ha fatto un passo avanti, dicendosi fiducioso che “già entro fine marzo prossimo possa arrivare anche il vaccino” per la fascia 0-5 anni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto