Fermato con un piccone alla stazione di Mestre. Quasi 2500 persone controllate dalla Polfer

ultima modifica: 27/10/2020 ore 13:20

1071

Polfer Venezia: "angeli" delle stazioni. Presenza invisibile ma fondamentale

Fermato con un piccone alla stazione di Mestre dagli agenti Polfer.


Si tratta di uno dei servizi che il Compartimento della Polizia Ferroviaria per il Veneto ha svolto quest’ultima settimana.

Un bilancio di attività che ha portato a: una persona arrestata, 18 indagati e 2445 persone controllate, 209 pattuglie impegnate in stazione e 30 i treni su cui sono stati svolti specifici servizi di vigilanza, 10 i servizi antiborseggio.


A MESTRE
Nella stazione di Venezia-Mestre, nello specifico, gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno fermato e denunciato all’Autorità Giudiziaria un 25enne per possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

L’uomo è stato infatti sorpreso in stazione con un piccone al seguito, sul cui possesso non è stato in grado di fornire giustificazioni.

I successivi accertamenti hanno evidenziato che a suo carico c’era anche un divieto di ritorno nel Comune di Venezia.

A VENEZIA
Il personale del Reparto Operativo di Venezia S. Lucia ha indagato due donne per inottemperanza al Foglio di Via Obbligatorio emesso dal Questore di Venezia, entrambe con numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio. Una delle due, il giorno prima, era già stata denunciata perché riconosciuta responsabile di furto aggravato ai danni di una viaggiatrice.

Nello scalo lagunare sono anche state inoltre rintracciate due ragazze di 15 e 16 anni, allontanatesi dalle loro abitazioni. Gli operatori hanno accompagnato le due adolescenti presso gli uffici della Polfer, dove hanno atteso dell’arrivo dei rispettivi genitori, a cui sono state riaffidate.

BOMBA DAY
Nella mattinata di domenica 25 ottobre, “bomba-day”, il personale della Polizia Ferroviaria della Sezione di Mestre e del Reparto Operativo di Venezia S. Lucia, rinforzato numericamente con altro della sede Compartimentale, è stato impegnato in servizi straordinari di vigilanza e controllo nelle stazioni di Venezia-Mestre e Venezia S. Lucia, in concomitanza con il blocco della circolazione ferroviaria nella suddetta tratta, stabilito dalle ore 7,00 alle ore 13,00, nell’ambito delle operazioni di disinnesco di un residuato bellico rinvenuto in centro a Mestre.

RAIL SAFE DAY
Nella settimana appena trascorsa, ha avuto luogo anche l’operazione denominata “Rail Safe Day”, che ha visto 91 operatori della Polizia Ferroviaria impegnati in un’attività straordinaria di controllo effettuata in 25 scali ferroviari, ricadenti negli ambiti di competenza, e in altre 7 località sensibili.

Lo scopo dell’operazione, disposta su tutto il territorio nazionale dal Servizio di Polizia Ferroviaria, è quello di incrementare i livelli di sicurezza degli utenti del mondo ferroviario, prevenendo, ed eventualmente sanzionando, i comportamenti impropri e pericolosi, contrastando, al contempo, l’indebita presenza di persone nelle stazioni e negli ambiti di pertinenza, 4 sono state le sanzioni emesse per inosservanza al Regolamento di Polizia Ferroviaria.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here