Tutti a Venezia, un assalto con code e disagi

ultimo aggiornamento: 06/06/2020 ore 19:19

1842

pontile actv burano coda pontile up 540

Tutti a Venezia per la Festa della Repubblica, ma l’assalto crea code e disagi, soprattutto sulle isole e soprattutto per i rientri.

Solo escursionisti veneti per il momento, ma la laguna ieri era discretamente piena, sia il centro storico che le isole, comprese le spiagge del Lido. Non i numeri a cui la Serenissima era abituata prima dell’emergenza sanitaria ma comunque un’ottima ripresa per le attività legate al turismo che hanno sofferto i mesi di emergenza sanitaria.

La calata dei visitatori di questo ponte festivo ha creato disagi ai pontili e alle linee Actv che viaggiano ancora in regime “contenuto” a causa della compressione della vendita dei biglietti di questi mesi.

Tra le mete più gettonate di ieri c’è stato il Lido, dove l’acquazzone serale ha peggiorato la situazione, creando code e assembramenti agli imbarcaderi. Ieri sera l’assessore comunale al Bilancio Michele Zuin ha pubblicato una foto su Facebook della coda di gente ai pontili dell’isola, commentando:

“Lo dico io prima che lo facciano altri! Una minaccia di temporale e tutti fuori dalle spiagge contemporaneamente, giustamente. Ma queste cose succedevano anche con gli orari estivi e si creavano le stesse code. E’ un deflusso simultaneo non prevedibile da nessuno”.

“Tutti i lavoratori possibili sono in servizio – ha aggiunto – tutti i battelli sono in acqua. La portata dei mezzi fissata al 50% purtroppo crea tutto ciò. Non abbiamo altri mezzi da mettere in servizio. O tolgono il distanziamento lasciando l’obbligo di mascherina o non c’è soluzione. Stiamo deviando altre linee sul lido”.

Disagi ne sono stati registrati anche su altre isole, con persone lasciate a terra a Murano e alla Giudecca, mentre a Pellestrina in orario serale non sono riusciti a salire numerosi ciclisti con le biciclette.

All’imbarcadero della motonave del Lido sono giunti anche i carabinieri per placare gli animi di chi si trovava in coda e voleva salire a tutti i costi in motonave.

Avm ha potenziato le corse negli ultimi giorni: le linee dell’automobilistico e della navigazione sono salite a 3.700 al giorno, ma non sono ancora sufficienti a soddisfare l’esigenza di muoversi di veneziani e turisti, senza contare quelli che da oggi, con l’apertura dei confini, potrebbero arrivare in città.

Dall’8 giugno sarà aggiunta qualche altra linea e tornerà operativo tutto il personale di Actv che oggi si trova parzialmente in cassa integrazione: il servizio di trasporto pubblico locale non tornerà comunque a pieno regime e chi pensa di avere le stesse corse dello scorso anno dovrà armarsi di pazienza.

ferry boat lido coda ressa gente up 540

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here