venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Tunisino arrestato per terrorismo, era sbarcato a Lampedusa

HomeStranieri violentiTunisino arrestato per terrorismo, era sbarcato a Lampedusa

Era sbarcato a Lampedusa a fine agosto, sperando di mimetizzarsi grazie a un documento d’identità falso, me le autorità italiane lo hanno seguito nei suoi spostamenti tra vari centri di permanenza. Alla fine, su mandato di cattura internazionale, le Digos delle Questure di Venezia e Gorizia hanno prelevato stamani al Cpr di Gradisca D’Isonzo, e poi arrestato.

L’uomo è un 25enne tunisino, sospettato di far parte di una cellula dell’Isis. Il Tribunale di Tunisi ha ipotizzato nei suoi confronti il reato di “partecipazione ad associazione terroristica e atti di terrorismo”.

Dopo lo sbarco estivo Lampedusa e dopo il periodo di quarantena Covid-19, il giovane tunisino era stato trasferito in un centro di permanenza in provincia di Venezia. E’ stato qui che è partito il monitoraggio dalla Digos nei suoi confronti, durato circa un mese e mezzo, perché era fortemente sospettato di partecipazione a un’associazione e ad atti di terrorismo.

La conferma che si trattasse effettivamente di un affiliato ad una cellula del Daesh, attiva in Tunisia e impegnata in attentati con ordigni esplosivi, è arrivata tramite l’identificazione con le impronte digitali.

Da quel che è stato accertato dagli investigatori, non avrebbe avuto l’intenzione di restare in Italia ma aveva l’obiettivo di raggiungere il Nord Europa.

Dopo la permanenza nel Veneziano, il tunisino è stato quindi trasferito al Centro di permanenza in provincia di Gorizia, in attesa di essere espulso perché considerato “soggetto pericoloso”.

Il 23 novembre scorso le autorità giudiziarie tunisine hanno emesso un mandato di arresto internazionale, e il giovane è stato portato in carcere a Gorizia, in attesa di trasferimento. “Era una sorta di ‘congelamento’ nel Centro di Permanenza per il Rimpatrio – ha detto il Questore di Gorizia, Paolo Gropuzzo – in attesa di essere coattivamente fatto rimpatriare alla sua originaria destinazione, in una situazione che gli imponeva di non potersi muovere liberamente. Si è poi, invece, giunti a questa richiesta di cattura internazionale effettuata dai tunisini, e agli sviluppi dell’indagine veneziana. Era costantamente trattenuto, in modo che non potesse essere minimamente pericoloso”. “Posso affermare che non si trovava in Italia con fini terroristici”, ha riferito il dirigente della Digos di Venezia, Carlo Ferretti.

L’uomo in Italia “ha sempre seguito le regole in maniera tranquilla e serena. Aveva chiesto di entrare nel circuito di protezione internazionale, e con cognizione di causa affermo che non aveva obiettivi nel nostro territorio”.
Durante la permanenza nel Veneziano non aveva cercato lavoro, né aveva stretto rapporti con persone sospettate di essere affiliate a cellule terroristiche. Soddisfazione è stata espressa dalla ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, per la quale l’arresto “testimonia l’efficienza del sistema di prevenzione, e come sia massima l’attenzione delle Forze di polizia nell’intercettare ogni forma di pericolo”.

In definitiva, era sbarcato a Lampedusa con una falsa identità a fine agosto.
Il 25enne tunisino, appartenente a una cellula dell’Isis, è stato arrestato dalla polizia di Venezia mentre si trovava al Cpr di Gradisca di Isonzo (Gorizia).
Dalla Sicilia, dopo il periodo di quarantena, era stato trasferito in un centro di accoglienza in provincia di Venezia, dove è stato monitorato dalla Digos per circa un mese e mezzo, perché fortemente sospettato di far parte di un’associazione terroristica, e per aver compiuto atti di terrorismo.
La conferma che si trattasse di un affiliato a Daesh, attiva in Tunisia e impegnata in attentati con ordigni esplosivi, è arrivata tramite l’identificazione con impronte digitali.

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha invece annunciato un’interrogazione urgente alla responsabile del Viminale sul caso: “La notizia è gravissima – ha commentato – chiediamo controlli su tutti gli attuali ospiti dei centri italiani”.
Replica Elio Vito, di Forza Italia: “Cosa sfugge a Salvini del fatto che l’arresto è stato possibile proprio per i controlli che già si fanno?”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Regione
Notizie dalla Regione. Per contattare la redazione scrivere a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....