Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeMondoTrump ha premuto il bottone: attacco alla Siria coi missili questa mattina

Trump ha premuto il bottone: attacco alla Siria coi missili questa mattina

Ordinanza Trump contro ingressi immigrati, caos totale e proteste nel mondo

Gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco missilistico in Siria su ordine del presidente Donald Trump, in risposta ai raid con armi chimiche del 4 aprile scorso attribuiti al regime di Assad.
Una pioggia di 59 i missili Tomahawk sono stati lanciati da due cacciatorpediniere Usa nel Mediterraneo orientale, ed hanno colpito alle 20.45 ora di Washington – le 3.45 del mattino a Damasco – la base aerea di Shayrat, nel centro del Paese: la stessa da cui secondo fonti di intelligence sarebbero partiti i jet che martedi’ hanno scaricato agenti chimici sulla provincia di Idlib, fatali per oltre 70 persone tra cui almeno 30 bambini.

Le immagini di quella ennesima sofferenza sono tornate in poche ore ad acuire la lunga crisi siriana, sono arrivate al presidente Trump determinando prima un cambiamento di tono del commander in chief, fino alla decisione di agire presa nella giornata di giovedi’ stando ai suoi piu’ stretti collaboratori.

Perche’ “nessun bambino dovrebbe soffrire” come hanno sofferto quelli siriani, ha detto il presidente americano parlando brevemente alla nazione solo dopo l’attacco, da Mar-a-lago in Florida, poco dopo aver accolto il presidente cinese Xi Jinping.

“Oggi ho ordinato un attacco militare mirato contro la base in Siria da cui e’ stato lanciato l’attacco chimico – ha detto il presidente Usa -. E’ nel vitale interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti evitare e impedire l’uso di letali armi chimiche”. Poi un appello al mondo, ai “paesi civilizzati”, affinche’ si uniscano agli Usa per ”mettere fine al massacro e al bagno di sangue” in Siria. E l’affondo per gli “anni di tentativi falliti nel cambiare il comportamento di Assad.

E’ il consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster a confermare poi che l’escalation per il commander in chief era stata innescata proprio dall’attacco di martedi’ scorso, in risposta del quale gli erano state presentate tre opzioni: Trump ha dapprima indicato di focalizzarsi su due di queste, ha poi preso la sua decisione finale nella giornata di ieri. Quindi l’azione e senza preavviso pubblico. Il Pentagono assicura che alcuni paesi erano stati avvertiti, anche la Russia attraverso i regolari canali militari.

Anche il personale russo presente presso la base colpita – stando a quanto emerge – era stato avvertito, con lo scopo di evitare vittime collaterali. Pero’ gli Stati Uniti hanno agito da soli. E alla Russia hanno lanciato un messaggio forte. A scandirlo ci ha pensato il segretario di Stato americano Rex Tillerson, nel sottolineare che Mosca ha “fallito nell’efficacia” di evitare un attacco chimico in Siria, come invece ‘promesso’ nel 2013, quando la linea rossa tracciata dall’allora presidente Barack Obama si ‘dissolse’ anche in seguito al dichiarato impegno della Russia di monitorare sulla distruzione dell’arsenale chimico di Assad.

Adesso tutto cambia per Trump, che ancor prima della soglia dei 100 giorni da presidente veste i panni da commander in chief in sviluppi difficili da prevedere prima di questa settimana. Ancor piu’ difficile prevedere il futuro, sebbene ancora Tillerson abbia garantito che la politica di Washington sulla Siria non cambia.

Un attacco tattico quindi, mirato e limitato, non altro che una “risposta proporzionata” stando al Pentagono, che ha “severamente danneggiato o distrutto velivoli siriani, strutture di supporto e attrezzature, riducendo la capacita’ del governo siriano di inviare armi chimiche”.

Per Damasco e’ un'”aggressione”, cosi’ la descrive la tv di Stato siriana confermando l’attacco e parlando di “perdite”. Intanto reagisce con estrema rapidita’ il premier israeliano Benyamin Netanyahu, sottolineando il “pieno sostegno” di Israele alla decisione del presidente Trump.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.