mercoledì 19 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

Tre leoni alati nel simbolo e sostegno a Baretta: nasce Venezia verde e progressista

HomeElezioni Comunali VeneziaTre leoni alati nel simbolo e sostegno a Baretta: nasce Venezia verde e progressista

Tre leoni alati nel simbolo e il sostegno a Baretta: nasce Venezia verde e progressista

Ci sono il verde e il rosso tra i colori del simbolo di Venezia Verde e Progressista, sintesi delle forze ambientaliste e di sinistra, che si è presentata mercoledì alla città nella sede mestrina di via Pescheria vecchia. Sono in parte gli stessi colori che contraddistinguono l’emblema del Partito Democratico, ufficialmente mostrato il giorno prima sempre a Mestre.

E questo perché – spiega il presidente della Municipalità di Chirignago e Zelarino, Gianluca Trabucco – anche la lista-coalizione appena formata sta dentro a quella più grande del centrosinistra che sostiene Pier Paolo Baretta come candidato sindaco. I progressisti hanno poi la sagoma di tre leoni dentro al simbolo, di cui uno è arancione: «negli anni è diventato il colore del civismo – dice Trabucco -. I leoni sono il segno dell’appartenenza al territorio, alla tradizione, ma anche spina dorsale dei diritti, dell’ambiente e del lavoro».

LA SINTESI
Il percorso è iniziato più di un anno fa con la civica il Nostro impegno per la città. Nessuna indiscrezione sui nomi fino alla settimana prossima: lista e capolista verranno presentati nell’altra sede di Venezia, in via Garibaldi a Castello. Di sicuro ci saranno provenienze dall’ex civica Uacp (Un’altra città possibile) e dai comitati ambientalisti. «In Baretta – dice Trabucco – abbiamo trovato una sintesi. Ci sono sfumature su alcuni temi: grandi navi, inceneritore di Fusina, ad esempio. Per questi chiediamo un confronto e una commissione indipendente fra tutti i progetti».


LA PERDITA

Pesa l’assenza del candidato sindaco di Tutta la città insieme, Giovanni Andrea Martini. Enzo Castelli, ex presidente della Municipalità di Venezia, parla di dispiacere. «È un peccato corra da solo. Poteva essere una ricchezza e un contributo per la coalizione. Non ho capito perché abbia prevalso in lui l’idea dell’isolamento. Andrea ha ceduto a questa spinta autoreferenziale e questa cosa fa male». Ma Castelli è sicuro ci sarà un secondo turno. A quel punto l’obiettivo sarà battere Brugnaro e il ritrovo con i “compagni di lotta” una conseguenza praticamente naturale, lascia intendere Castelli. «Brugnaro è un sindaco che non si fida di nessuno. Il suo modo di andare avanti per annunci e disdette, oltre a collezionare figure epocali, non fa bene alla città – dice -. Questa del Redentore è l’ultima. Il quadro di Klimt che doveva essere venduto all’asta e il giorno dopo è diventato il centro di una mostra al Candiani, è un’altra. Esaltare il turismo per scoprire che non è la panacea di tutti i mali e mortificare la cultura, con la chiusura della Biennale delle arti visive, è una perdita di 400 posti di lavoro e altrettanti nell’indotto – prosegue Castelli -. Per non parlare degli alberghi e i ristoranti penalizzati».

IL SECONDO TURNO
L’apparentamento con altre forze politiche per Renato Panciera, segretario di Rifondazione comunista, anche lui alla presentazione del simbolo di Venezia Verde e Progressista, è da valutare. «Con chi difende la separazione tra Venezia e Mestre è più difficile per noi che vediamo solo l’unità della città – dice -. Speravamo in Martini per mettere assieme la sinistra antagonista e costruire una forza coesa». Ma ora, per Michele Mognato di Articolo Uno, ha ragione Baretta: «siamo in grado di affrontare il sindaco uscente e chiudere questa brutta pagina della storia della città». Al secondo turno allargare ancora di più la coalizione, per l’ex parlamentare e assessore comunale, sarà ancora più facile.

comunali di venezia lista verde progressista nostra 680

IL PROGETTO
«Già in campagna elettorale al primo turno emergeranno tra chi non vuole Brugnaro momenti di intesa, intrecci, affinità e dialogo – afferma -. Ancora non sappiamo chi è il candidato dei grillini, chi è quello di Terra e Acqua. Stiamo costruendo una lista di chi arriva dall’esperienza politica ma anche di persone che non militano da nessuna parte. C’è bisogno di guardare al lavoro, alle povertà, alle fragilità e serve un altro progetto con la sensibilità giusta verso questi temi. Oggi c’è gente senza cassa integrazione, che non lavora. Queste saranno le priorità – dice Mognato -. Il nostro sindaco? Continua a dire che non sono arrivati i soldi, ma ero al parlamento io che è stata rifinanziata la legge speciale, nel 2016-2017. Governo Renzi, ma gli emendamenti li abbiamo fatti io, Martella, Delia Murer e Davide Zoggia. Sto bene così – sostiene Mognato – faccio il delegato sindacale Filcams Cgil, lavoro alla Metro e sono in campo, attivista e militante. Bettin è uno dei protagonisti centrali del progetto, ma c’è stato un lavoro di persone, associazioni, e liste diverse. C’è Lorenzo Visentini, Anna Messinis, Luciano Zennaro, Sara Da Preda, e anche chi ci sostiene restando nell’ombra perché teme ritorsioni. Parlo di realtà economiche che hanno sede negli immobili che appartengono al Comune».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.