Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
9.8C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeCronacaTragedia a Riva di Tures, slavina su scialpinisti: 6 morti tra cui ragazzo di 16 anni

Tragedia a Riva di Tures, slavina su scialpinisti: 6 morti tra cui ragazzo di 16 anni

Tragedia a Riva di Tures, slavina su scialpinisti: 6 morti tra cui ragazzo di 16 anni

Tragedia a Riva di Tures (Bolzano). Erano le 11 di ieri mattina quando un’enorme massa di neve si è staccata dalla parete ovest del monte Nevoso, in alta val Pusteria.
Una slavina con un fronte largo 500 metri ha travolto e ucciso sei scialpinisti a tremila metri di quota. Nessuna possibilità di scampo.
La slavina di sicuro è stata provocata dalle recenti nevicate che hanno appoggiato uno strato di neve sullo strato di ghiaccio precedente. Un piccolo innalzamento di temperatura e la neve è venuta giù con una potenza letale.

La tragedia a Riva di Tures ha visto travolgere diversi gruppi che da lì a poco avrebbero raggiunto la vetta. Dopo l’allarme, si sono subito mossi i soccorsi con Aiut Alpin, Guardia di Finanza e soccorso alpino con unità cinofile.
Sei le vittime alla fine, cinque altoatesini e un austriaco. Tutti erano sciatori molti esperti. Uno di loro, Bernard Stoll, 43 anni di Villabassa, aveva addirittura scalato gli 8.156 metri del Manaslu, sull’Himalaya.

Avrebbe dovuto essere una normale escursione di fine stagione, fino a lassù sul Monte Nevoso, con la sua vista mozzafiato, a quota 3.358, circondato da altre vette da 3000 metri in una mattinata che il Föhn, il vento caldo che viene da nord, aveva reso soleggiata e scintillante.
Ma all’improvviso il cielo si è fatto scuro, come spesso accade in montagna. Si è udito un boato ed una valanga del fronte di 150 metri si è staccata dalla vetta abbattendosi su un gruppo di alpinisti della vallata, travolgendoli.

Il bilancio finale della disgrazia è di sei morti, e da queste parti si tratta del più grande incidente in montagna in una stagione avviata ormai al termine. Tra le vittime un ragazzo di appena 16 anni, una donna di 32 e un austriaco, Horst Wallner, 49enne direttore generale della Camera di Commercio del Tirolo.
Morto anche l’altoatesino Bernhard Stoll, imprenditore 43enne ed alpinista esperto, che nel 2011 aveva scalato un ottomila, il Manaslu.

La slavina si è staccata a causa del fenomeno del accumulo nevoso, vale a dire uno strato di neve caduta da poco che scivola sulla neve sottostante, più dura perché ghiacciatasi nel corso delle settimane, questo il parere dei soccorritori. Il luogo dove gli alpinisti si trovavano al momento del distacco della slavina era uno di quelli che non lasciano scampo.

Hans Berger, senatore della Svp che in Valle Aurina è di casa e che è un appassionato alpinista, ha spiegato che il campo da dove è caduta la slavina è un grande triangolo con il vertice puntato sulla vetta: gli sfortunati alpinisti si trovavano ai piedi di questo triangolo, in una specie di avvallamento nel quale la neve si è accumulata senza lasciare loro vie d’uscita.

La tragedia avrebbe potuto avere dimensioni ancora più gravi se alcuni dei 15 alpinisti che componevano i tre gruppi in salita non fossero riusciti a trarsi in salvo con i propri mezzi, “galleggiando” sulla neve farinosa mentre questa cadeva loro addosso. Tra quelli che si sono salvati c’è anche un’austriaca, portata a valle con un elicottero: al momento di scendere dal velivolo, la donna appariva estremamente provata, tanto che è stata accompagnata in un vicino albergo dove la protezione civile aveva nel frattempo mandato alcuni psicologi incaricati di occuparsi dei superstiti.

La disgrazia della Valle Aurina ha suscitato un grande cordoglio tra gli alpinisti della vallata. Anche il premier Matteo Renzi ha seguito lo svolgersi dei soccorsi, in collegamento con la protezione civile mentre era impegnato a Parigi per il vertice dei progressisti europei. Solidarietà è stata espressa, a nome di tutti gli altoatesini, ai parenti delle vittime dal governatore Arno Kompatscher.

I nomi delle vittime: Horst Wallner, 49 anni, di Innsbruck, Alexander Rieder 42 anni di Chienes, Margit Gasser, 32 anni di Campo Tures, Christian Kopfsguter, 21 anni di Villabassa e Matthias Gruber, 16 anni, di Valle Aurina, il più giovane.
Quando la slavina si è staccata sul posto c’erano quindici escursionisti. Otto sono stati sfiorati alla massa di neve, una è rimasta parzialmente sepolta e si è liberata da sola. Per gli altri sei invece non c’è stato nulla da fare.

Mario Nascimbeni
13/03/2016

(cod slavadi)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...