30.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Toscanini e la straordinaria nascita dell’Orchestra della Scala: presentazione del libro di Mauro Balestrazzi

HomeTeatro La Fenice di VeneziaToscanini e la straordinaria nascita dell’Orchestra della Scala: presentazione del libro di Mauro Balestrazzi

La tournée del secolo. Toscanini e la straordinaria nascita dell’Orchestra della Scala è una lunga cronaca di fatti avvenuti un secolo fa, che ha come protagonista Arturo Toscanini. Attorno a lui si muovono decine di altri personaggi che concorrono a realizzare eventi straordinari

La Fondazione Teatro La Fenice di Venezia celebra Arturo Toscanini e l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, nella ricorrenza dei cento anni dalla sua fondazione, con la presentazione del libro La tournée del secolo. Toscanini e la straordinaria nascita dell’Orchestra della Scala (ed. Libreria Musicale Italiana) che si svolgerà in diretta streaming dalla sala del Teatro di Campo San Fantin venerdì 23 aprile 2021 ore 17.30: vi parteciperanno l’autore Mauro Balestrazzi, il sovrintendente e direttore artistico della Fenice Fortunato Ortombina e, in collegamento da New York, il musicologo Harvey Sachs.

La tournée del secolo.
Toscanini e la straordinaria nascita dell’Orchestra della Scala è una lunga cronaca di fatti avvenuti un secolo fa, che ha come protagonista Arturo Toscanini. Attorno a lui si muovono decine di altri personaggi che concorrono a realizzare eventi straordinari: la nascita dell’Ente autonomo che garantisce al Teatro alla Scala l’autonomia artistica e gestionale; la creazione di un’orchestra stabile che intraprende la più lunga tournée mai immaginata; la rifondazione anche fisica della Scala, che riapre le sue porte al pubblico dopo una chiusura durata tre anni.
Naturalmente, con il contributo fondamentale di Toscanini, la lunga operazione per dare un nuovo statuto alla Scala viene avviata ufficialmente nel gennaio del 1919 e si conclude con la riapertura del teatro nel dicembre del 1921. Tre anni di complesse trattative e di coraggiose iniziative, in un paese ancora afflitto dai problemi economici lasciati in eredità dalla guerra.

«Sarà inevitabile, in questa speciale occasione – ha commentato Ortombina – rievocare anche le numerose e importantissime apparizioni del maestro a Venezia: Toscanini alla Fenice fu protagonista della memorabile Stagione di primavera del 1895, quando diresse Cristoforo Colombo di Alberto Franchetti, Falstaff di Giuseppe Verdi, Le Villi di Giacomo Puccini, l’opera oggi dimenticata Emma Liona di Antonio Lozzi e un concerto sinfonico; tornò in laguna nel marzo 1906 per una coppia di concerti, e poi ancora nel 1920 e nel 1921. Risale invece al 1949 il suo ultimo concerto veneziano, quando inaugurò la dodicesima edizione del Festival internazionale di musica contemporanea dirigendo l’Orchestra della Scala in trasferta.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.