Tedeschi travestiti da antichi soldati prussiani con sciabole vere: denunciati

530

Tedeschi travestiti da antichi soldati prussiani: va bene il Carnevale in corso a Venezia ma quelle spade vere sono armi. Denunciati

Tedeschi travestiti da antichi soldati prussiani con sciabole vere: denunciati

Va bene il Carnevale, va bene che a Venezia si ritiene – a torto – che molto venga concesso, ma girare in pubblico con armi atte ad offendere non è proprio legale, seppur vestiti in maschera.

Per questo ieri pomeriggio, alle ore 14.50 circa, in piazza San Marco nei pressi della Torre dell’Orologio, le pattuglie del Commissariato di Pubblica Sicurezza di San Marco, impegnate nei servizi di controllo del territorio predisposti per i festeggiamenti del Carnevale 2019, hanno fermato e denunciato 4 cittadini tedeschi per il reato di porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere.

I quattro uomini, che indossavano abiti carnevaleschi, raffiguranti militari dell’epoca napoleonica e più precisamente antichi soldati prussiani del 1812, non sono passati di certo inosservati ed hanno attirato l’attenzione degli operatori in quanto dal fianco del loro costume si lasciava intravedere un’arma lunga della quale si notava l’elsa.

I poliziotti pertanto insospettiti, li hanno fermati per effettuare un normale controllo ma hanno scoperto che le armi che avevano indosso risultavano autentiche, ovvero delle sciabole antiche delle quali non hanno saputo giustificare né il possesso né il porto in luogo pubblico.

Accompagnati presso gli uffici della Questura per gli accertamenti del caso su uno di essi è stato rinvenuto anche un coltello con una lama di 10 cm e per i quatto uomini è scattata la denuncia.

Visto che il Carnevale di Venezia investe così tanto in sicurezza, non è proprio il caso di sfidare il destino con azzardi.

Tedeschi travestiti da antichi soldati prussiani con sciabole vere: denunciati

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here